FantaGazzetta - Solo il meglio del calcio

 

Anche la Juventus ha migliorato l'avvio della passata stagione mentre il Milan sprofonda

Classifiche a confronto: bene Napoli e Inter, malissimo l'Udinese

Napoli e Udinese: agli antipodi della graduatoria (Getty Images)
Napoli e Udinese: agli antipodi della graduatoria (Getty Images)

Articoli Collegati

Partiamo da un presupposto: le soste per le Nazionali disseminate nei rari pertugi rimasti all'interno del sempre più saturo calendario internazionale non generano fastidiosi pruriti solamente alle società che - loro malgrado - sono destinate a concedere gran parte del loro ''materiale'' umano alle selezioni. Infatti, questa singhiozzante interruzione della piacevole routine offerta dal campionato, spesso viene mal digerita da coloro i quali, desiderosi di notizie fresche riguardanti le dinamiche della stagione calcistica in corso, sono costretti a sorbirsi le ultime da Coverciano.
 
Per chi pensa che la Nazionale abbia un certo appeal solo in occasione delle fasi finali - ma anche per gli atri - ecco un approfondimento dedicato in toto al campionato italiano.
In un periodo privo di particolari spunti interessanti, in cui la nuova casa di Balotelli e l'ennesima dichiarazione imbarazzante di Ibrahimovic la fanno da padrone, un bel classico e tradizionale raffronto tra la classifica odierna e quella di 365 giorni fa è proprio quello che ci vuole.
 
Classifica comparata dopo 7 partite (stagioni 2011-12 e 2012-13)
+8   Napoli - Inter
+6   Juventus
+3   Bologna
+2   Fiorentina
+1   Catania - Lazio
=    Roma - Genoa
-3    Atalanta-Chievo-Parma
-4    Milan
-5    Palermo
-6    Siena
-7    Cagliari
-9    Udinese
 
A guidare questa particolare graduatoria troviamo la coppia Inter-Napoli; entrambe hanno beneficiato di diversi fattori che ne hanno garantito un netto surplus rispetto alla stagione passata.
Per quel che concerne i nerazzurri, be', era difficile non migliorare il magro bottino di 7 punti totalizzato nelle prime sette gare dello scorso campionato: Gasperini e Ranieri, con la media di un punto a partita, erano stati capaci di portare l'Inter di poco al di sopra della zona retrocessione; Stramaccioni ha fatto invece riassaporare le zone alte della classifica, in compagnia della sorprendente Lazio di Petkovic (+1), ma sempre a debita distanza dalla vetta.
Vertice occupato (sia nella classifica reale che in quella comparata) dal Napoli che, scevro da impegni europei d'alto rango, mantiene un ritmo indiavolato: la scorsa stagione stangava le grandi (3-1 al Milan e 0-3 all'Inter) e balbettava con le medio-piccole, mentre l'unico passaggio a vuoto - se così è possibile definirlo - di quella attuale è stato il pareggio a reti bianche rimediato a Catania.
Anche la Juventus sembra aver oramai scordato i pareggini contro squadre di tutt'altro livello e viaggia a ritmi alti, altissimi.
Saldo positivo anche per Bologna, Fiorentina e Catania mentre Genoa e Roma sono là dov'erano un anno fa. Zeman ha totalizzato lo stesso bottino di Luis Enrique con l'aggravante rappresentata dal fatto che 3 degli 11 punti attuali sono stati assegnati a tavolino.
 
Ed ecco chi ha peggiorato il proprio andamento rispetto alla passata stagione con due considerazioni da fare. Le penalizzazioni di Siena e Atalanta offrono una doppia chiave di lettura alla classifica: per i toscani risulta un -6 (che sarebbe anche la penalizzazione attualmente inflittagli dalla Commissione disciplinare) che, in considerazione delle sole prestazioni sul campo, si tramuterebbe in un -1, raffigurando un andamento pressoché similare a quello della stagione di Sannino. Viceversa, i bergamaschi (penalizzati sia nella stagione passata che in quella corrente) vedrebbero aumentare considerevolmente il loro deficit visto che i 14 punti sul campo della passata stagione si sono dimezzati in quella attuale.
Sensibili i peggioramenti di Chievo e Parma (-3). Decisamente più significativi quelli di Palermo e Milan, con i rossoneri - già non eccezionali la scorsa stagione - capaci di peggiorare ulteriormente e vedersi lontani 12 punti dalla vetta.
 
Infine, ecco le peggiori. Il Cagliari del Ficcadenti II ha registrato un peggioramento di 7 punti rispetto a quello sorprendente e quarto in classifica (ma ugualmente senza gioco) della stagione passata.
C'è però chi ha fatto peggio: non assistita dall'abituale vena prolifica di Di Natale e demoralizzata dall'ennesima delusione preliminare, l'Udinese di Guidolin registra un deficit di 9 punti che la degrada dal primo posto occupato dopo le prime 7 partite del 2011-12 al quattordicesimo attuale.
 
Concludendo, una considerazione sulla fisionomia delle due classifiche analizzate.
Un anno fa tra la prima e la settima (Udinese 15 - Milan, Napoli, Roma 11) c'erano 4 punti mentre la classifica attuale vede raddoppiare tale distacco (Juventus, Napoli 19 - Roma, Fiorentina, Catania 11). L'impressione è che due squadre siano già in fuga, che altre due possano essere le non tanto credibili inseguitrici (con la possibilità di qualche altro inserimento) e il resto, invece, sia destinato ad una stagione tra l'anonimato e la paura della B.
Ulteriore livellamento verso il basso o, al contrario, riscoperta delle corazzate capaci di fare da subito la differenza? Il dilemma è sempre lo stesso e forse, ora come ora, è troppo presto per cercarne la risoluzione.
 
Samuele Olla

© FANTAGAZZETTA RIPRODUZIONE RISERVATANe è consentita esclusivamente una riproduzione parziale con citazione e link alla fonte nonché dell'autore. 
TI POTREBBERO INTERESSARE
 

News Dal Nostro Network

Mazzarri: “Palacio dal primo ...

Conferenza stampa per Walter Mazzarri alla vigilia del turno ...Leggi Tutto

Tom Ince, che delusione! ...

Potrebbe essere già finita l’avventura di Tom Ince all’...Leggi Tutto

Juan Jesus regala maglie e ...

Che fosse un appassionato dei social, lo sapevamo da tempo. Che ...Leggi Tutto