SHARE

Regolamento Sistema Mantra - Edizione 2016/17

Il sistema Mantra rappresenta l'evoluzione naturale dei fantasy games basati sul calcio e si rivolge a chi desidera un'esperienza di gioco più coinvolgente e che enfatizzi il valore e le scelte di ogni fantallenatore.
Facile da giocare molto più di quanto si possa immaginare, Mantra ha conquistato da subito la fetta più esigente dei fantappassionati italiani, trasformando in realtà concreta quanto promesso dal suo slogan di lancio "chi prova Mantra non torna più indietro". I plus di questo sistema di gioco possono essere così riassunti:

- Enfasi della funzione manageriale. Non basta più ‘indovinare’ l’attacco, ma va costruita ‘una squadra’ completa e strutturata in base alle proprie esigenze ed idee tattiche.
- La tattica diventa parte attiva del gioco Lo schieramento della formazione, così come quello della panchina, diventa meno scontato e strettamente correlato alle opportunità tattiche offerte dalla rosa a disposizione.
- Le dinamiche di mercato acquisiscono appeal. Si cambia e si scambia anche in funzione dei moduli di gioco sui quali è costruita l’ossatura della squadra.

1. DEFINIZIONE DEI RUOLI DEI CALCIATORI

Ogni calciatore in lista ha il suo ruolo specifico e dovrà essere inserito coerentemente in uno degli schemi di gioco disponibili (vedere punto 2). Accanto ai calciatori in grado di ricoprire un solo ruolo, esiste un nutrito gruppo di calciatori polivalenti, dunque schierabili in più ruoli. La definizione dei ruoli avviene rispettando il più possibile le caratteristiche tattiche reali dei protagonisti delle serie A.
La legenda sei ruoli base è:

Legenda ruoli Mantra

2. SCHEMI DI GIOCO

Gli schemi tattici disponibili per il sistema di gioco MANTRA sono undici:

Schemi di gioco Mantra
Oltre alla posizione fissa del portiere, i calciatori vengono schierati in quattro linee di gioco e cioè difesa, centrocampo, trequarti ed attacco, secondo quanto previsto dai singoli schemi.
Nei singoli schemi, laddove sono indicati due ruoli in una singola posizione in campo, vuol dire che essi sono alternativi (lo rimangono anche in caso di sostituzione).
Si noti che i due schemi a tre punte (3-4-3 e 4-3-3) prevedono l'utilizzo massimo di una sola punta centrale (Pc) a cui affiancare due ali (W) o attaccanti di raccordo (A).
Le ali (W) agiscono di norma sulla linea di trequarti, ma possono essere schierate anche in attacco (negli schemi a 3 punte) oppure a centrocampo (4-4-2, 4-4-1-1 e 3-5-2).

3. SCHIERAMENTO FORMAZIONE

Il primo passo per schierare la formazione in campo è scegliere lo schema di gioco tra quelli disponibili. Successivamente sarà possibile schierare i calciatori in coerenza col proprio ruolo. (Se fruite delle piattaforme di gioco all’indirizzo web leghe.fantagazzetta.com, il software grafico vi supporterà indicando chiaramente le scelte corrette, quelle adattabili e quelle non fattibili, evidenziando qualsivoglia errore di inserimento).

4. SCHIERAMENTO DELLA PANCHINA

La panchina è composta da 12 calciatori, di cui minimo un portiere, da schierarsi in ordine di preferenza assoluta, cioè a partire dal calciatore che si preferisce far entrare per primo come sostituto, qualora il cambio fosse tatticamente possibile.
ATTENZIONE: A differenza della formula classica, in Mantra è fortemente consigliato schierare la panchina partendo dagli attaccanti e procedendo a ritroso (esempio > Pc - A - W/T - W - C - M/C - E/C - Dd/E - Dc - Ds/Dc - Dc - Por). In tal modo si asseconda lo stesso ordine che il sistema segue nel valutare gli assenti e/o s.v. ed effettuare le sostituzioni (vedere tabella al successivo punto 5). Tale accorgimento consente una gestione dei cambi più efficiente (evitando in taluni casi limite malus altrimenti evitabili).

5. SOSTITUZIONI

Il sistema cerca in formazione gli assenti sempre partendo dalla linea d'attacco (il portiere dunque è l’ultimo). Trovato un assente scorre l’ordine di panchina alla ricerca di una soluzione sostituiva.


Schemi e sostituzioni Mantra
Clicca qui per ingrandire

5.1 SOSTITUZIONI: TIPOLOGIE ED ORDINE GERARCHICO

L'ordine gerararchico delle sostituzioni è:

  1. Sostituzioni dirette o indirette.
  2. Sostituzioni adattate (in assenza di soluzioni al punto 1).
  3. Sostituzioni adattate indirette (in assenza di soluzioni ai punti 1 e 2).

Andiamo a vedere in dettaglio come funziona ognuna di queste tipologie di sostituzione.
In prima istanza le sostituzioni avvengono con il primo calciatore in panchina in grado di sostituire direttamente o indirettamente (grazie agli "spostamento" di uno o più polivalenti in campo) il calciatore schierato senza valutazione. Entrambe le soluzioni - dirette e indirette - hanno pari rango gerarchico, a comandare è sempre l’ordine di panchina.

5.1.1 SOSTITUZIONI DIRETTE

La sostituzione diretta avviene tra pari ruolo o con un calciatore che lo schema prevede come alternativo (ex: in un 4-3-1-2 una A ed un Pc sono alternativi e assimilabili ai pari ruolo). Nell'esempio sottostante il sistema trova assente Pavoletti (Pc), il primo schierato in panchina (Belotti, Pc) è un pari ruolo e dunque procede alla sostituzione diretta.
Sostituzioni dirette mantra

5.1.2 SOSTITUZIONI INDIRETTE

La sostituzione indiretta avviene quando un calciatore (polivalente e dunque in grado di occupare più di un ruolo) schierato come titolare in una certa posizione, scala ("spostamento") a coprire il buco lasciato dal calciatore senza valutazione, con il sostituto che va a coprire la sua posizione originaria. Un cambio indiretto deve coinvolgere non più di tre calciatori (il s.v. da sostituire, il subentrante e UN SOLO elemento che in campo si sposta) e creare un "incastro perfetto", nel senso che alla fine dell’evento sostitutivo tutti i calciatori coinvolti devono occupare una posizione per loro naturale (senza malus).
Proseguendo nel nostro esempio, il sistema continua l’analisi dei titolari e trova assente o s.v. Badelj (M/C). Scorrendo la panchina il primo giocatore utile al subentro risulta essere Saponara (T), poiché B.Valero (C/T) ha la possibilità di spostarsi in posizione di mezzala lasciando a lui lo spot libero da trequartista. Vi invitiamo a notare che in panchina era disponibile anche Duncan (M/C) che poteva dar seguito ad una cambio diretto. Tuttavia come abbiamo detto sostituzioni dirette o indirette hanno lo stesso rango gerarchico e sarà l’ordine di panchina a "comandare" il cambio da effettuare (Saponara sarà preferito a Duncan perché schierato "prima" nell’ordine di panchina dal fantallenatore).
Sostituzioni inderette Mantra

5.1.3 SOSTITUZIONI ADATTATE

Nel caso non ci sia in panchina un cambio possibile, né diretto né indiretto, per il ruolo rimasto scoperto, la sostituzione avverrà con un calciatore adattato (fuori ruolo) e con l’aggravio di un malus di 0,5 punti (vedere tabella al punto 5.2). L’adattabilità tendenzialmente può concretizzarsi solo con calciatori della stessa linea di gioco del calciatore da sostituire (ad esempio un difensore centrale in luogo di un terzino), o di linee più arretrate (ad esempio un difensore in luogo di un centrocampista). Ma ci sono alcune eccezioni di cui tener conto:

- i calciatori identificati come C che non possono sostituire con malus, i ruoli E ed M (tranne nei casi in cui i ruoli M e C siano alternativi). Non possono neanche sostituire le W nel 4-4-2, nel 4-4-1-1 e nel 3-5-2
- le ali (W) nel 4-4-2, nel 4-4-1-1 e nel 3-5-2 sono schierate sulla linea di centrocampo, ma non possono sostituire con malus gli altri centrocampisti identificati come M e C. Nel 3-5-2 le W possono sostituire la E solo nella posizione in cui i due ruoli sono alternativi, mai nella posizione esclusiva della E.

Si noti infine che mai può essere schierato un portiere in posizione di movimento (né viceversa).
Valutiamo un nuovo esempio nel quale la nostra squadra è schierata con un 4-4-2. Il sistema rivela l’assenza del Dc Bonucci. In panchina non ci sono uomini in grado di subentrare né direttamente, né indirettamente (Rugani nell’esempio è s.v.). Il sistema dunque pesca dalla panchina il primo calciatore adattabile che in questo caso è Mario Rui (Ds/E) e lo fa entrare al posto di Bonucci caricandolo di un malus (-0,5) dovuto al suo essere fuori posizione naturale.
Sostituzione adattata Mantra

5.1.4 SOSTITUZIONI INDIRETTE ADATTATE

Si fosse giunti a questo punto senza aver ancora potuto effettuare la sostituzione, il sistema proverà ancora una ulteriore strada prima di lasciare la squadra in 10 uomini (o in alternativa al subentro della riserva d’ufficio laddove prevista). Proverà infatti ad effettuare il cambio consentendo cambi indiretti (con spostamento) che prevedano contemporaneamente anche adattamenti con malus. Questo sia che il malus riguardi il solo giocatore oggetto dello spostamento (esempio 1), sia che coinvolga anche il subentrante (esempio 2). Il sistema darà comunque sempre la priorità a soluzioni in cui l’apporto di giocatori con malus è minore.

Esempio 1: ci troviamo con una formazione schierata col 4-4-2. L’unico assente tra i titolari è il centrale difensivo Bonucci. Ma in panchina tutti i difensori, sia centrali che laterali non hanno voto. Mancano dunque i presupposti per qualsiasi tipo di sostituzione. Cosa succede? Che il sistema trovando la disponibilità di Lulic (E/C) in panchina lo farà entrare in ala spostando Evra (Ds/E) in difesa con malus (poiché Evra ha skill da difensore). L’uomo che subentra (Lulic) in questo caso va in una posizione per lui naturale e non prende malus.
Sostituzioni indirette adattate Mantra

Esempio 2: rispetto al caso 1 anche Lulic risulta senza voto. Il primo disponibile in panchina per innescare il meccanismo è dunque il mediano Duncan (M/C). Evra scala sempre in difesa e Duncan va a sinistra del centrocampo. Per entrambi però scatta il malus di 0,5 punti in quanto sono tutti e due in una posizione non naturale.
Sostituzioni indirette adattate Mantra

5.1.5 OTTIMIZZAZIONE FORMAZIONE

Molto raramente, a seguito di sostituzioni adattate dirette o indirette, è possibile che vengano a trovarsi calciatori non schierati in maniera ottimale. E' l'esempio di una linea di difesa che da destra a sinistra si trova così schierata: Ds Dc Dc Dc con i due terzini fuori posizione e relativo malus -0,5 per entrambi. Il sistema, a sostituzioni concluse, valuterà dunque se sarà possibile invertire la posizione di due calciatori per ridurre l’impatto di malus sulla squadra e opererà di conseguenza un'ottimizzazione della formazione in campo.
Nell'esempio su citato, invertendo i due terzini (Dc Dc Dc Ds), uno di essi ritrova la sua posizione naturale e i malus applicati passano da -1 (0,5 x2) al solo -0,5 relativo al terzino di destra.
L'ottimizzazione avviene anche in casi in cui si giochi in inferiorità numerica: può cioè avvenire che un calciatore in campo, spostandosi in una posizione libera, riduca o azzeri il proprio malus.
Il processo di ottimizzazione si avvia, ove ne ricorre la necessità, solo alla fine di tutti gli eventi sostitutivi (non durante).

5.2 SOSTITUZIONI: LE TABELLE DI RIFERIMENTO

Tabella riepilogativa sostituzioni Mantra
Scarica in pdf la tabella sostituzioni di ogni singolo schema

6. (APPENDICE) LA LEGENDA TATTICA DEI RUOLI MANTRA

In Mantra si definisce "Pc" chi gioca di punta stazionando più o meno regolarmente nei pressi dell'area di rigore, indipendentemente se abbia caratteristiche da centravanti o da punta di movimento.
L'attaccante di raccordo invece, indicato dalla lettera "A", non è prettamente uomo d'area, partecipa organicamente alla manovra offensiva, giocando esterno in un tridente o a supporto di un centravanti.
Il trequartista "T" è un centrocampista con spiccate doti offensive e poca o nulla dedizione alla fase di copertura. E’ un giocatore che presidia la "linea fantasia" centralmente o leggermente defilato, con compiti di rifinitura e/o di inserimento.
Le ali "W" sono esterni marcatamente offensivi impiegati sulla linea di trequarti. A differenza degli attaccanti di raccordo, puntano più spesso il fondo e prediligono la fase di assistenza al compagno rispetto alla conclusione personale. Solo nel 4-4-2 esse possono essere schierate in fascia a centrocampo in quanto "protette" dai terzini. Consentita una sola W anche nel 3-5-2 nel quale si presume sia l’esterno opposto a dare man forte al reparto difensivo.
I centrocampisti esterni "E", grazie a maggiori skills difensive, non hanno questo tipo di vincolo e possono essere schierati, oltre che nel 4-4-2 e 4-4-1-1, anche in tutti gli schemi con la difesa a 3.
I mediani "M" raggruppano tutti gli uomini di centrocampo di stampo difensivo. Dal classico mediano incontrista fino a mezzali e registi con discrete doti di interdizione.
I centrocampisti centrali "C" includono le mezzali spiccatamente offensive e i registi che non si distinguono per il loro contributo in fase di interdizione.
La distinzione tra destro "Dd" e sinistro "Ds" rimane caratteristica peculiare per la categoria dei terzini. (in lista i calciatori identificati come "Ds/E" e "Dd/E" sono coloro che nel calcio moderno si è soliti definire come esterni bassi, idonei sia a fungere da terzini nelle difese a 4 che come centrocampisti laterali di contenimento e sostegno, soprattutto nel caso si opti per la difesa a 3).
Chiudono il cerchio difensori centrali "Dc" e portieri "Por" che non crediamo abbiano bisogno di definizioni concettuali.

7. (APPENDICE) MANTRA IN FORMAT "LEGA"

Mantra è un SISTEMA di gioco più che un regolamento. Dunque è altamente PERSONALIZZABILE. In lega siete liberi di applicare i bonus e i malus che preferite, cambiare la scala punteggi dei goal, scegliere la numerosità della rosa (unico obbligo minimo 23 uomini di cui 2 portieri), l’assortimento della stessa (niente 3-8-8-6 vincolato, qui siete voi i manager ed assortite come vi pare in base ai vostri piani tattici), la frequenza/regole del mercato e quant’altro rientri nelle vostre preferenze. Non troverete dunque in questo manuale rigide tabelle regolamentari. Gustatevi l'esperienza di gioco Mantra usando gli ingredienti che più vi piacciono.

7.1 L'ASTA: CONSIGLI SU COME GESTIRLA

Tralasciando in questa trattazione l’ipotesi di chi fa mercato con le quotazioni e la possibilità di condividere i medesimi calciatori, viene subito da dire che uno degli aspetti chiave della vita di una lega è l'ASTA, soprattutto quando questa non avviene on-line, ma con un incontro "casalingo" tra i partecipanti. Sia che usiate il metodo d’offerta "a rilanci" sia che optiate per le "buste chiuse", con Mantra più che mai il sistema d'asta migliore è il metodo RANDOM, cioè l'estrazione in ordine casuale di tutti i calciatori presenti in lista (per tale scopo poteste scaricare il nostro software FantaAsta) su cui fare offerte. Tale metodo è di gran lunga quello a più alto concept strategico (oltre che il più divertente) perché consente di riadattare le proprie scelte in corso d'opera a seconda dei calciatori acquistati e/o degli obiettivi falliti. E con la componente tattica di Mantra ciò acquisisce un'importanza decisiva. L'esperienza inoltre ci dice che tale metodo tende a creare squadre più equilibrate tra i partecipanti della lega.
In alternativa ci potrebbe essere il metodo A CHIAMATA in cui ogni partecipante, a rotazione, chiama il nome di un calciatore da battere all'asta fino a conclusione delle singole rose. Valido, ma con il difetto di concentrare il clou dell’asta solo nella prima fase della stessa.
Nulla vieta di seguire altri metodi ad ORDINE PRESTABILITO (alfabetico, per linea di gioco, per squadra o altro), anche se dal nostro punto di vista questi sono decisamente meno interessanti.
Così come per la versione classica è anche possibile affidarsi a metodi d’asta on-line: la piattaforma leghe di Fantagazzetta vi offre sia la modalità "e-bay", sia quella "a buste chiuse".

7.2 L'ASSORTIMENTO DELLA ROSA (consigli)

Come Assortire la vostra rosa? Verrebbe da pensare che la prima scelta da fare è il modulo su cui lavorare. Giusto fino ad un certo punto, nel senso che sarà anche lo sviluppo dell'asta (soprattutto col metodo random) a dirvi che strada seguire. Se vi ritrovate ad esempio a comprare una T di valore vi verrà naturale ripiegare su di uno schema che prevede l'uso del trequartista, se vi sfuggono le migliori A sul mercato meglio lasciar stare gli schemi a 3 punte.
E anche quando una certa strada è intrapresa scegliere qualche calciatore che vi consente variabili tattiche è sempre cosa buona e giusta!
In linea generale comunque è saggio avere almeno 2 calciatori per ogni posizione del vostro modulo base, a cui aggiungere qualche polivalente tappabuchi e, come già detto, qualche calciatore in grado di mettere in essere varianti tattiche.

8 (APPENDICE) LE LEGICHE DELL'ASSENZA DEI MODIFICATORI IN MANTRA

Partiamo da una premessa. L'incompatibilità tra il sistema Mantra e i modificatori è concettuale e non tecnica.
Dunque chi dopo aver letto le seguenti riflessioni ritenesse di giocare col sistema Mantra e nello stesso tempo coi modificatori sarà libero di farlo (la nostra piattaforma dedicata permette l’escamotage in quanto all'admin è consentito aggiungere bonus e malus manualmente "per esigenze non contemplate dal sistema" prima del lancio del calcolo).
Perché nascono i modificatori? Sostanzialmente per porre un freno al dilagare del 3-4-3 premiando chi opta per soluzioni tattiche meno estreme e valorizzando i calciatori di buon rendimento ma dal gol remoto. Un metodo matematico dunque per stimolare la varietà tattica.
Mantra invece ha la soluzione a questo problema "già inclusa" in quanto gli schemi nascono già bilanciati.
Definiti i ruoli "difensivi" (Dd,Dc,Ds,E,M) e quelli "offensivi" (C,T,W,A,Pc) ogni schema ne andrà a prevedere equamente 5 e 5. Fa eccezione il solo 4-2-2-2, che richiede 6 uomini difensivi (con la doppia M in mezzo) essendo più spinto nei 4 offensivi.
Se prima (vecchio sistema) si sapeva con certezza oggettiva che la soluzione migliore erano le 3 punte (e questo aspetto lo si "combatteva" con i modificatori), adesso non si può oggettivamente dire quale soluzione tra quelle proposte sia migliore. Cioè tra vincoli e opportunità la valutazione è soggettiva e la varietà delle soluzioni tattiche ne viene di conseguenza e non con la "spinta" di un correttore matematico (modificatore).
Sia nella fase offensiva che difensiva, le scelte tattiche col sistema Mantra sono tutt'altro che scontate. E, se questo è l'obiettivo finale, Mantra nasce già col suo equilibrio (o bilanciamento che dir si voglia). L'applicazione di qualsiasi modificatore invece di riequilibrare (funzione svolta nel vecchio sistema) in questo caso disequilibra. Ecco perché riteniamo i modificatori una sovrapposizione concettuale e una forzatura di Mantra.
Il discorso si estende anche ad alcune tipologie di modificatori che agiscono sull’interazione tattica tra le due formazioni protagoniste di uno scontro diretto. Ma se affermiamo che tutti gli schemi di Mantra sono tra loro equilibrati di conseguenza è distonico ipotizzare che una delle due squadre dovrebbe avere dei bonus solo in virtù di aver scelto uno schema piuttosto di un altro.

>> Scarica il regolamento completo in formato pdf <<