SHARE

Europa League 2018/19: il tabellone completo delle partecipanti

LA LAZIO SPERA NELLA PRIMA FASCIA, MILAN PROBABILMENTE IN SECONDA, DURI PRELIMINARI PER L'ATALANTA, SE RIPESCATA FIORENTINA TESTA DI SERIE


|

Domenica abbiamo visto come si presenterà il tabellone della Champions League 2018/19. Ora tocca all’Europa League, che vedrà scendere in campo per l’Italia la Lazio, il Milan (a meno di esclusione da parte dell'Uefa che aprirebbe la strada alla Fiorentina) e Atalanta.

Rispetto alla Champions League è un po' più difficile ipotizzare le fasce a causa dell'entrata in scena in una parte del tabellone da quest'anno interamente dedicata a loro di tutte le eliminate nei preliminari di Champions League (saranno addirittura 18 su 48 le squadre che inizieranno la propria stagione europea in Champions League e si troveranno a giocare nella fase a gironi di Europa League). Per provare ad aggirare questo problema, dopo il tabellone iniziale vi proporrò però tre diversi scenari che ipotizzano le 48 qualificate ai gironi (12 gruppi da quattro squadre) e le rispettive fasce d’appartenenza.

Come vedrete, accanto a ogni squadra è presente anche la sua posizione nel ranking Uefa, utile per stabilire le teste di serie dei turni preliminari fino alla fase a gironi. Le squadre che di fianco al proprio nome hanno un asterisco sono quelle che non hanno un punteggio nel ranking Uefa, non avendo partecipato alle coppe europee negli ultimi cinque anni, e la cui posizione dipende esclusivamente dal coefficiente della loro nazione.

Infine nelle tabelle che ipotizzano le fasce di sorteggio le squadre provenienti dalla Champions League sono inserite in corsivo e il colore di sfondo dipende dal turno di Europa League nel quale entrerebbero in gioco.

Il tabellone delle qualificate all’Europa League 2018/19 si presenta così:

+

Entrando ancor di più nel dettaglio della nuova formula vediamo che delle 48 partecipanti alla fase a gironi 17 si sono qualificate direttamente tramite il loro piazzamento nei rispettivi campionati nazionali (per l'Italia al momento Lazio e Milan), 13 arriveranno dai preliminari giocati dalle squadre che prendono parte esclusivamente all'Europa League (fra queste per ora l'Atalanta) e 18 come anticipato verranno "paracadutate" dalla Champions League (dieci direttamente nella fase a gironi, ovvero le sei perdenti dei playoff e le quattro perdenti dei penultimi preliminari dei piazzati, e otto vincendo un tabellone in tre turni che accoglierà mano a mano che vengono eliminate dalla competizione principale le altre cinquantacinque partecipanti alla Champions League estromesse da quel torneo).

Il nuovo regolamento rende di fatto più complicato per la squadra italiana che partecipa ai preliminari l'accesso al tabellone principale perché si riducono il numero di posti disponibili da 22 a 13. In particolare l'Atalanta (92° nel ranking Uefa) è sicura di essere testa di serie nei primi due preliminari, ma se non ci saranno grosse sorprese in questi due turni molto probabilmente non lo sarà nel terzo e ultimo preliminare, destino che potrebbe avere in comune con altre squadre provenienti da importanti campionati come RB Lipsia (78°), Burnley (91° con il punteggio d'ingresso dell'Inghilterra) e Bordeaux (115°). 

Se il Milan dovesse essere escluso dalla competizione per via delle note vicende legate al Fair Play Finanziario, l'Atalanta verrebbe automaticamente promossa alla fase a gironi e al suo posto ai preliminari subentrerebbe la FIorentina, che dall'alto del suo 30° posto nel ranking Uefa avrebbe la certezza di disputarli da testa di serie.

La miglior squadra come ranking a partecipare alla competizione è il Siviglia, anche se sulla carta ancor più favorite ai nastri di partenza paiono essere le due inglesi Arsenal e Chelsea. In attesa delle retrocesse dalla Champions League la Lazio occupa il decimo posto, il Milan il sedicesimo e l'Atalanta il trentunesimo. La Fiorentina sarebbe l'ottava migliore come ranking.

Proviamo ora a vedere come si presenterebbe il sorteggio dei gruppi di Europa League proponendo tre diverse ipotesi di partenza.

Nel primo metodo, osserviamo cosa succederebbe se in tutte e due le coppe europee passassero i turni preliminari sempre le squadre col miglior coefficiente Uefa:

+

In questa simulazione la Lazio sarebbe fra le teste di serie (ma se tutte le migliori partecipanti ai playoff di Europa League dovessero arrivare alla fase a gruppi basterebbe la retrocessione dalla Champions League di una fra Benfica, Basilea e Salisburgo - o due di queste se la Dinamo Kiev dovesse qualificarsi per la coppa principale - per far scendere i biancocelesti in seconda fascia, così come giocherebbe a sfavore della Lazio l'ingresso della Fiorentina nella competizione), il Milan naviga nel mezzo della seconda fascia mentre l'Atalanta non è presente nel tabellone il quanto teoricamente eliminata da una delle teste di serie dei preliminari identificate in tabella con un colore di sfondo in tonalità di grigio (per i bergamaschi, che in caso di qualificazione entrerebbero in terza fascia, in questa simulazione sarebbe auspicabile evitare nell'ultimo preliminare Siviglia e Zenit San Pietroburgo e magari pescare il Maribor). 

Provando a ipotizzare i possibili gironi, per la Lazio (ed eventualmente la Fiorentina) bene APOEL Nicosia, Maribor e Jablonec, male Olympique Marsiglia, Real Betis e Spartak Mosca. Per il Milan auspicabile Olympiacos, Maribor e Jablonec, da evitare Chelsea, Real Betis e Spartak Mosca. Per l'Atalanta in caso di qualificazione sicuramente meglio Olympiacos, APOEL Nicosia e Jablonec di Chelsea, Olympique Marsiglia e Spartak Mosca.

Da notare che la truppa francese (nostri teorici rivali nel ranking per nazioni) parte in posizioni peggiori delle nostre, con l'Olympique Marsiglia in seconda fascia, il Rennes in quarta e il Bordeaux fuori colpito dallo stesso destino dell'Atalanta. 

A differenza di quanto accaduto per la simulazione riguardante la Champions League, per l’Europa League lo scenario precedente non è però quello “più competitivo” in assoluto. Il livello medio delle squadre potrebbe infatti alzarsi ancor di più se nei preliminari di Europa League vincessero sempre quelle col coefficiente Uefa migliore, come nel caso precedente, ma nella Champions League accadesse il contrario e quindi scendessero in Europa League squadre sulla carta più forti delle precedenti. Uno scenario di questo tipo ci consegnerebbe un sorteggio così composto:  

+

Questo scenario dimostra che la Lazio rischia di scendere in seconda fascia e il Milan in terza (anche se per i rossoneri dovrebbero retrocedere davvero tante squadre inattese dalla Champions League). l'Atalanta potrebbe giocare la competizione partendo dalla quarta fascia mentre la Fiorentina anche in questo caso rimarrebbe testa di serie. 

Con questo scenario il miglior girone per la Fiorentina, dovesse partecipare alla competizione, sarebbe con Copenaghen, Qarabag e Jablonec, il peggiore con Olympique Marsiglia, Real Betis e Spartak Mosca. Per la Lazio bene Olympiacos, Qarabag e Jablonec, male Chelsea, Real Betis e Spartak Mosca. Per il Milan auspicabile Olympiacos, Copenaghen e Jablonec, da evitare Chelsea, Olympique Marsiglia e Spartak Mosca. Per l'Atalanta meglio Olympiacos, Copenaghen e Qarabag di Chelsea, Olympique Marsiglia e Real Betis

L’ultimo metodo preso in esame è lo stesso che ieri per la Champions ho definito inverosimile, ma curioso e utile per capire a quale fascia può ambire al massimo ogni squadra. E’ il metodo che mostra come sarebbero i gironi se a ogni turno si qualificasse sempre la peggiore. La “folle” composizione delle urne sarebbe la seguente:  

+

Questo scenario ci mostra che in caso di preliminari particolarmente favorevoli il Milan potrebbe salire addirittura in prima fascia (ma l'ipotesi è di fatto improbabile) e l'Atalanta potrebbe puntare alla seconda (anche questo un caso di difficile realizzazione). 


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!