SHARE

Calciatori decisivi: chi sta portando più punti in Serie A nel 2018/19?

I MIGLIORI PER IL MOMENTO SONO JOAO CANCELO, MERTENS, KEITA, STRAKOSHA, SUSO E MANOLAS


|

Nuovo appuntamento stagionale con le “statistiche giocatori decisivi” relative a quelle che sulla carta sono le sei big di Serie A (Juventus, Milan, Inter, Roma, Lazio e Napoli). L’obiettivo di queste dieci graduatorie è quello di andare a vedere quanto ognuno dei giocatori risulti decisivo rispetto ai risultati ottenuti della squadra. In queste particolari classifiche l’approccio di base parte dall’ipotesi che un giocatore incida positivamente per la sua squadra quando è in campo nel momento in cui il suo team segna un gol che migliora in maniera rilevante il risultato (ovvero quando quel gol permette di passare da una sconfitta a un pareggio oppure da un pareggio a una vittoria).

Per i dettagli relativi ai metodi di calcolo e alle motivazioni che stanno dietro alla necessità di presentare ben 10 classifiche per squadra vi rimando a un passato articolo postato su Fantagazzetta QUI. Ricordo brevemente che 5 sono relative al totale delle partite ufficiali disputate e 5 solo al campionato e che per classifiche “corrette” si intendono quelle al netto di eventuali spezzoni di partita giocati ma ininfluenti, ovvero con presenza in campo inferiore ai 45 minuti nei quali il segno del risultato sul campo (1, X o 2) non è cambiato. I calciatori fuori classifica, ovvero che non hanno totalizzato almeno la metà delle presenze valide nella graduatoria corrispondente, sono contrassegnati in neretto.

Partiamo con l’analisi delle squadre in ordine di classifica soffermandoci in particolar modo sulle variazioni rispetto al precedente aggiornamento che potete rileggere QUI

JUVENTUS

GLOBALE

+

Joao Cancelo svetta in quattro delle cinque classifiche, senza di lui la Juventus ha collezionato le uniche due sconfitte stagionali (entrambe in Champions League) e uno dei due pareggi in campionato (contro l'Atalanta). Nella classifica a punti guidano Cristiano Ronaldo e Pjanic, entrambi assenti in due successi di squadra ma con un "+1" conquistato contro l'Atalanta. Nelle graduatorie non corrette bene Mandzukic e Chiellini (fuori in una sconfitta), in quelle corrette ancora meglio di loro Matuidi e Dybala (anche loro fuori in una sconfitta ma con qualche spezzone in più che, una volta tolto, ne alza la media).

Fra i peggiori (se così si possono chiamare visti i punteggi comunque elevati) si notano i più coinvolti in spezzoni di gara Douglas Costa (addirittura con il segno meno nelle vinte/perse a causa di quattro punteggi negativi, due per uscite con la Juve in svantaggio, una per ingresso con la squadra in vantaggio in una partita poi finita pari e una da titolare in una delle due sconfitte), Emre Can e Bernardeschi. Nelle corrette in fondo troviamo Cuadrado (penalizzato dall'uscita con la squadra in svantaggio contro il Chievo), Bentancur (titolare nelle due sconfitte di Champions e uscito sull'1-2 a Bergamo) e Alex Sandro (meno vittorie degli altri compagni). 

SOLO CAMPIONATO

+

Nelle classifiche solo campionato prende il comando quasi ovunque Cristiano Ronaldo, sempre presente e con il "+1" conquistato rispetto a molti suoi compagni contro l'Atalanta. Matuidi e Dybala lo scavalcano nella media corretta perché assenti in uno dei due pareggi e presenti in molte altre vittorie. Mantiene una buona posizione Pjanic (sole due assenze in partite vinte dalla squadra) così come Chiellini (12 vittorie, 1 pareggio, 1 spezzone).

Poco cambia fra peggiori nelle non corrette. Cuadrado esce di classifica nelle corrette per il non sufficiente numero di partite giocate e viene sostituito fra gli ultimi da Szczesny, presente in entrambi i pareggi e assente in quattro vittorie.

NAPOLI

GLOBALE

+

Il quasi sempre presente Koulibaly perde lo scettro in tre classifiche a favore di Mertens, capace in tre occasioni di migliorare il risultato della squadra con il suo ingresso in campo e assente in una delle quattro sconfitte stagionali del Napoli. I due dominano tutti i podi insieme ad Insigne (assente in tre vittorie).

Fra gli ultimi, ma con punteggi comunque positivi, troviamo Mario Rui (presente in tre delle quattro sconfitte nonostante nove panchine), Fabian Ruiz (due punteggi negativi e diverse partite in panchina), Hamsik (quattro punteggi negativi per lui, di cui uno uscendo con la squadra in svantaggio in una partita poi pareggiata), Ospina (7 vittorie, 4 pareggi, 3 sconfitte) e Milik (paga tre punteggi negativi in partite vinte o pareggiate dalla squadra). 

SOLO CAMPIONATO

+

In campionato il dominio di Koulibaly è scalfito solamente da Malcuit (7 punteggi positivi, 2 pareggi e 1 spezzone) nelle medie totali. Si confermano nelle prime posizioni Mertens e Insigne, bene anche Allan nella media corretta una volta eliminati quattro spezzoni.

Cambia un po' lo scenario delle ultime posizioni, dove si confermano Mario Rui e Hamsik, ma troviamo insieme a loro i frequentemente subentrati Rog e Diawara nelle non corrette e Callejon (7 vittorie, 4 pareggi, 2 sconfitte, 2 spezzoni) e Albiol (senza di lui il Napoli ha ottenuto in campionato sei vittorie su sei) nelle corrette. 

INTER

GLOBALE

+

Si conferma alto il rendimento di Keita, mai in campo quando la squadra è stata sconfitta e capace per due volte in Champions League di dare il suo contributo per migliorare il risultato dell'Inter dopo il suo ingresso in campo. Nella classifica a punti guida il sempre presente Handanovic, nelle medie totali invece svetta De Vrij (fuori in tre vittorie, ma anche in tre sconfitte). Nelle non corrette troviamo su uno o entrambi i podi Nainggolan (una sola sconfitta con lui in campo) e Lautaro Martinez (9 punteggi positivi, 2 negativi e 3 spezzoni), mentre nelle corrette si fa notare in positivo Skriniar (fuori solo in una vittoria e una sconfitta). 

Il trio dei peggiori è formato da Borja Valero (quattro punteggi negativi fra i quali un "-2" contro il Chievo), Perisic (presente in cinque sconfitte su sei e con un "-1" in Inter-Tottenham), e Vecino (cinque punteggi negativi fra i quali anche per lui il Chievo), con Dalbert fuori classifica ma con punteggi negativi nelle vinte/perse (cinque partite giocate, tre punteggi negativi e due positivi). 

SOLO CAMPIONATO

+

Nelle "solo campionato" cambia il leader nelle vinte/perse non corrette rispetto alle "globali", con De Vrij (9 vittorie, 2 pareggi, 3 sconfitte) e Nainggolan (7 vittorie, 1 pareggio, 1 sconfitta) che superano Keita (8 vittorie, 3 pareggi, 6 spezzoni). Nella classifica a punti e nelle vinte/perse corrette sale sul podio Asamoah (assente solo in due vittorie e un pareggio).

Fra i peggiori a Perisic, Vecino e Borja Valero si aggiunge Gagliardini con quattro vittorie, tre sconfitte e tre spezzoni.

LAZIO

GLOBALE

+

Strakosha sale in prima posizione in tre classifiche su cinque, senza di lui la Lazio ha perso tre partite su quattro (tutte in Europa League). Una leadership anche per Caicedo (per due volte ha migliorato il risultato di squadra con il suo ingresso) e Wallace (8 vittorie, 2 pareggi, 4 sconfitte e 1 spezzone). Ben posizionato nelle non corrette Lucas Leiva (presente in sole tre sconfitte su otto) e nelle corrette Lulic (con lui fuori 3 vittorie e 4 sconfitte).

Fra i peggiori tanti punteggi negativI fra i fuori classifica dovuti principalmente al turnover applicato nelle tre sconfitte di Europa League. Male Luiz Felipe (5 vittorie, 3 pareggi, 5 sconfitte, 1 spezzone), Correa (tanti spezzoni per lui ma anche quattro risultati negativi), Marusic (presente in tutte le sconfitte di campionato e in più con un "-1" in Chievo-Lazio) e Radu (con sette punteggi negativi fra i quali tre presi uscendo con la squadra in svantaggio in incontri poi pareggiati).

SOLO CAMPIONATO

+

Togliendo i risultati di Europa League primeggia in quattro classifiche su cinque Lucas Leiva (6 vittorie, 2 pareggi, 2 sconfitte, 1 spezzone). Il sempre presente Acerbi aggancia Strakosha nella classifica a punti. Wallace e Caicedo si confermano nelle prime posizioni dove si aggiunge nelle vinte/perse corrette Luis Alberto (che vanta un "+1" nel pareggio fra Lazio e Sampdoria). 

Nelle non corrette punteggio negativo e valido per Badelj (1 vittoria, 2 pareggi, 4 sconfitte e 4 spezzoni), si confermano fra gli ultimi Radu e Marusic ai quali aggiungere Parolo, Milinkovic-Savic ed Immobile (accomunati dall'aver giocato tutte le partite di campionato meno una vinta dalla squadra). Fuori classifica punteggi negativi per Bastos, presente solo nella sconfitta casalinga del primo turno con il Napoli e in tre spezzoni. 

MILAN

GLOBALE 

+

E' Suso il più performante del Milan fino a questo momento (senza di lui una vittoria, un pareggio e una sconfitta), ma anche Cutrone si difende molto bene prendendo la testa nelle classifiche corrette (otto risultati positivi e tre negativi per lui). Nelle varie classifiche si fanno notare nelle prime posizioni Donnarumma (titolare del campionato) e Kessié.

Castillejo (cinque punteggi negativi per lui fra i quali due in match poi vinti dal Milan) e Bakayoko (presente in tutte le sconfitte meno una ma con in più un "-2" nel pareggio contro l'Atalanta) si trovano sempre nelle ultime posizioni, affiancati a rotazione da Laxalt (4 vittorie, 4 pareggi, 3 sconfitte e 7 spezzoni), Abate (6 vittorie, 3 pareggi, 5 sconfitte, 2 spezzoni) e Higuain (senza di lui 3 vittorie e 3 pareggi). Punteggi negativi fuori classifica per Bonaventura (3 vittorie, 3 pareggi, 4 sconfitte) e Halilovic (1 punteggio negativo e 2 spezzoni).

SOLO CAMPIONATO

+

Nelle classifiche "solo campionato" i primi posti di Suso (in Europa League assente nelle sconfitte e capace anche di un "+3") vengono sostituiti con quelli di Kessié (sempre presente in Serie A meno che nella sconfitta con la Fiorentina). Si conferma in ottima posizione Cutrone e risalgono Musacchio (5 vittorie, 4 pareggi, 2 sconfitte) e Calabria (5 vittorie, 6 pareggi, 2 sconfitte, 1 spezzone). 

Fra i peggiori si confermano Bakayoko (che ha nel suo score anche un "-3" in Napoli-Milan), Laxalt, Higuain e Abate ai quali si aggiunge Romagnoli nelle vinte/perse corretta (senza di lui in campionato 2 vittorie e 2 pareggi).  Fuori classifica male José Mauri (1 pareggio, 1 sconfitta, 1 spezzone) che invece in Europa League ha totalizzato 5 punti in due partite. 

ROMA

GLOBALE 

+

Due primi posti a testa per Manolas (senza di lui una vittoria, un pareggio, due sconfitte) e Kluivert (assente in tre sconfitte squadra). Ben posizionati anche Olsen (due partite e due sconfitte con lui fuori) e Lo. Pellegrini (fuori in cinque sconfitte della Roma). 

Fra i peggiori punteggi negativi per Zaniolo (4 vittorie, 1 pareggio, 5 sconfitte, 5 spezzoni) e Cristante (4 vittorie e 1 sconfitta senza di lui), male anche Juan Jesus (3 vittorie, 4 pareggi, 2 sconfitte, 4 spezzoni), El Shaarawy (5 vittorie, 3 pareggi, 4 sconfitte, 1 spezzone) e Fazio (presente in tutte le sconfitte della Roma meno una, ma con un "-2" nel pareggio con il Napoli). Fra i giocatori fuori classifica con punteggi negativi spiccano Karsdorp (1 sconfitta, 1 pareggio, 1 spezzone), Marcano (1 pareggio, 4 sconfitte) e Mirante (2 sconfitte su 2 partite). 

SOLO CAMPIONATO

+

Senza la Champions League Manolas (senza di lui in campionato 1 pareggio e 2 sconfitte) prende il comando in tutte le classifiche meno la vinte/perse corretta, che rimane a Kluivert. Troviamo ancora Olsen nelle prime posizioni della media totale mentre si affacciano ai podi Schick (sia contro l'Atalanta che contro la Fiorentina la squadra ha recuperato lo svantaggio pareggiando la partita) e Under (due vittorie ma anche tre sconfitte senza di lui). 

Fra i peggiori si confermano Cristante, Juan Jesus, Lo. Pellegrini e Fazio, ma si aggiunge nelle non corrette Pastore (1 vittoria, 3 pareggi, 1 sconfitta, 5 spezzoni).

Appuntamento a fine marzo, nel corso della sosta per le partite delle Nazionali, per il penultimo aggiornamento annuale delle statistiche calciatori decisivi. 


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!