SHARE

Caccia all'affare: la Top 11 degli svincolati da giugno 2018

DA ROBBEN A SHAW, DA DE VRIJ A BALOTELLI: ECCO I MIGLIORI AFFARI A ZERO PER LA PROSSIMA SESSIONE DI MERCATO


|

Segnatevi questa data: 30 giugno 2018. In quel giorno scadranno i contratti di tantissimi giocatori di prima fascia, uomini che per motivi vari hanno scelto di non rinnovare con i rispettivi club di appartenenza. Da portieri come Marchetti e Krul a difensori del calibro di De Vrij e Shaw, fino ad arrivare a pezzi del calibro di Robben, Ribery o Mario Balotelli. Volete una carrellata? Ecco a voi la Top 11 dei migliori svincolati...

1) MARCHETTI (VORM - KRUL)

35 anni compiuti a febbraio, Federico è letteralmente scomparso dai radar da un paio di stagioni, colpa dell'esplosione di Strakosha alla Lazio e dei rapporti non certo idilliaci con il presidente Lotito, che ha deciso di metterlo fuori rosa da inizio anno. A giugno scadrà ufficialmente il contratto con i bianco-celesti e Marchetti potrà scegliere con tutta libertà la sua prossima destinazione, in Italia o all'estero. Che sia un ruolo da secondo in una big (Juventus e Milan in primis, ma anche il Napoli se dovessero andar via tutti e tre i portieri in rosa) o quello di primo una squadra di media classifica, la sensazione è che Marchetti possa ancora dare tanto. Aspetta solo la chiamata giusta per (ri)mostrare le sue indubbie qualità. Occhio anche a Vorm del Tottenham e Krul del Brighton, due portieri che andranno a scadenza a fine stagione e potrebbero interessare a diversi club europei.

2) RAFINHA (LICHTSTEINER)

Quasi svenduto dal Genoa, il buon Rafinha è diventato un uomo importantissimo nel Bayern Monaco, col quale ha giocato ben 236 gare vincendo 6 campionati, 3 coppe di Germania e persino una Champions League in finale col Borussia Dortmund. A giugno finirà la sua esperienza in Bavaria, ma a 32 anni la sensazione è che possa ancora dare il suo contributo di tecnica ed esperienza sull'out di destra. Chi proverà il colpo low-cost? L'alternativa, se così la si vuol chiamare, è Stephan Lichtsteiner che si svincolerà dalla Juventus a fine anno. Difficile una sua permanenza in Italia, mentre si fanno sempre più insistenti le voci di un suo futuro in Germania, destinazione Borussia Dortmund. 

3) DE VRIJ

26 anni per il difensore olandese, che a giugno saluterà la Lazio e diventerà a tutti gli effetti uno dei pezzi pregiati del mercato degli svincolati. Da anni al top come rendimento in Serie A, Stefan è ora alla ricerca di un nuovo progetto stimolante (anche economicamente), con l'Inter che sembrerebbe però aver già sbaragliato la concorrenza: di oggi la notizia del deposito del contratto che renderebbe ufficiale l'affare. E che, automaticamente, cancellerebbe Stefan dalla nostra top 11. Ma ad un difensore così difficilmente si rinuncia...

4) REYES

Perso De Vrij, Lotito è da tempo alla ricerca di un un nuovo profilo di spessore da inserire nella rosa della Lazio e tra i papabili c'è proprio Reyes. Classe '92, il difensore messicano del Porto, da tempo nel giro della Nazionale, non ha avuto molta fortuna nelle ultime stagioni in prestito a Real Sociedad ed Espanyol e a giugno diventerà free agent. Alto 1,89 m, Diego potrebbe essere la pedina giusta nello scacchiere di Simone Inzaghi, difensore arcigno e già con una buona esperienza internazionale. Sarà lui il prossimo colpo di Igli Tare?

5) SHAW (BLIND)

Acquistato nell'estate 2014 dal Southampton per quasi 40 milioni di euro, Luke Shaw non ha mai realmente convinto nelle quattro stagioni con la maglia dello United e anche quest'anno Mourinho gli ha spesso preferito Ashley Young sull'out di sinistra. Ora l'ex ragazzino prodigio è pronto a salutare i reds, alla ricerca di una nuova piazza in cui dimostrare a pieno le sue capacità, forte anche della giovanissima età (23 anni ancora da compiere). Arsenal e Tottenham ci stanno pensando seriamente, ma altre big europee monitorano la situazione. Chi la spunterà alla corsa per l'ex "nuovo Bale"? In casa United occhio anche a Daley Blind, altro epurato della gestione Mourinho e pronto ad accasarsi da un'altra parte.

6) EMRE CAN

Definito da tutti il "Nuovo Khedira" (in maniera forse anche un po' riduttiva) il tedesco classe '94 è uno dei pezzi pregiati del prossimo mercato degli svincolati, visto che sembra ormai scontato il suo addio al Liverpool (che comunque si è già cautelato con Keita del Lipsia). La Juventus lo segue da un anno ormai e Marotta sta tentando in tutti i modi di strapparlo alla concorrenza delle big di Premier e non, offrendogli un ingaggio da top player (circa 4 milioni di euro più bonus a salire). Basteranno per convincerlo ad accettare il progetto bianconero? Occhio al Pogba-bis.

7) MAX MEYER

Fino a qualche mese fa avremmo inserito anche Leon Goretzka nella lista, ma come spesso accade in Germania il Bayern ha già anticipato tutti bloccandolo per la prossima stagione. Spostiamo il nostro focus su un altro pezzo pregiato della Bundes: Maximilian Meyer. Il talentino classe '95 è stato una delle rivelazioni dello Schalke 04, trequartista dai piedi buoni e dotato di grande rapidità, perfetto sia per la Premier che per la Serie A. E non è un caso che le maggiori pretendenti arrivino proprio da questi due campionato, con Everton, Tottenham, Juventus e Milan pronte all'asta per assicurarsi uno dei prospetti più interessanti del calcio europeo.  

8) WILSHERE (FELLAINI)

Si torna in Premier con due nomi illustri che hanno reso meno del loro reale valore: Jack Wilshere e Marouane Fellaini. Il regista dell'Arsenal ha vissuto stagioni difficili tra infortuni e prestiti vari, ma quest'anno sembra essere tornato ai suoi livelli abituali e 26 anni è pronto a rimettersi in gioco e riconquistare un posto da titolare in Nazionale. Discorso simile per il belga dello United che, a parte qualche acuto, non è riuscito a ripetere le prestazioni mostrate all'Everton e a 30 anni proverà a strappare l'ultimo contratto importante della sua carriera. Giocatori diversi, profili diversi: chi scegliereste per la vostra rosa?

9) ROBBEN (RIBERY)

Dopo Rafinha si torna in casa Bayern Monaco per parlare di due giocatori che hanno fatto la storia dei baversi, entrambi a scadenza di contratto: Arjen Robben e Franck Ribery. 34 anni l'olandese, 35 il francese, i due top player sono ormai agli sgoccioli della carriera, ma anche in questa stagione hanno dimostrato di poter dire la loro ad alti livelli lasciando spesso a sedere in panchina uno come Coman. Ma l'interrogativo di fondo resta: quanto ancora potranno dare al calcio che conta? E soprattutto, c'è ancora chi vorrà scommettere sulla loro voglia di stupire? Staremo a vedere, intanto in Cina e in Mls diversi club si preparano all'assalto a suon di sponsor e moneta sonante...

10) BERNARD

25 anni, ala offensiva brasiliana, 10 gol e 4 assist in stagione in 29 partite. Non male il rendimento di Bernard con la maglia dello Shakhtar, club dal quale si separerà a giugno dopo 5 stagioni tra alti e bassi. Inter, Milan e Napoli sono alla finestra, con gli azzurri che lo hanno anche affrontato nel doppio confronto nei gironi di Champions, apprezzandolo per le sue innegabili qualità tecniche. Altra dote è la duttilità tattica, visto che il brasiliano può giocare praticamente in tutti i ruoli della trequarti, rendendolo uno degli affari più interessanti del prossimo giugno. 

11) BALOTELLI

Veniamo al pezzo forte del lotto, quello che stuzzica di più la fantasia dei tifosi per qualità tecniche, appeal sulla piazza e background: SuperMario Balotelli. Una carriera all'insegna delle montagne russe la sua, dai picchi raggiunti col (primo) Milan e Manchester City ai crolli repentini con Liverpool, fino ad arrivare all'ultima esperienza in terra francese col Nizza dove il ragazzone nato a Palermo è praticamente rinato segnando la bellezza di 24 reti in stagione. E ora, a quasi 28 anni, Mario ha praticamente il destino nelle sue mani, o meglio in quelle sapienti del suo storico procuratore Mino Raiola. Tante le squadre interessate, come tanti sono gli interrogativi sul suo carattere, ma al netto di tutto ciò parliamo di un giocatore dalle indubbie qualità tecniche, forte fisicamente e dotato di un gran senso del gol. Uno che, a dirla francamente, farebbe comodo anche alla nuova Italia di (forse) Roberto Mancini, proprio uno dei suoi storici mentori all'Inter prima e al City poi. Tante le novità in cantiere: che il 2018 sia l'anno della svolta per Balo?

La Top 11 Svincolati

+


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!