SHARE

FANTARACCONTI - La mia rivoluzione nel mercato di riparazione: 16 cambi

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO I VOSTRI FANTARACCONTI: QUESTA È LA VOLTA DI...


|

Buongiorno, mi chiamo Mario e da oltre 10 anni sono amministratore e partecipante dell’infuocata lega “Fanta E Tribi” che conta 10 squadre.

Dopo un’asta estiva iniziale molto ma molto lunga, si superano sempre le 7 ore, si arriva al mercato di riparazione che dà sempre stata l’opportunità per migliorare le squadre in difficoltà.

Nella nostra lega l’apertura della “finestra” per gli scambi avviene il 2 gennaio e finisce il 31 gennaio, ovvero il giorno in cui è fissata l’asta di riparazione.

Il sottoscritto, da Direttore Sportivo di squadra dilettante, ama cambiare tanto ed ogni anno propongo migliaia di scambi agli avversari ed anche quest’anno, dopo le prime due settimane in sordina dove studio il mercato delle squadre di serie A, inizio a martellare gli altri componenti con scambi più o meno importanti.

La mia squadra si chiama "Atletico....ma non troppo" si trova al terzo posto in classifica, grazie soprattutto alla vena realizzativa del mio investimento estivo più caro di sempre, cioè quel CR7 che mi è costato la bellezza di 284 crediti sui 600 disponibili (praticamente metà rosa).

Questa mossa di mercato mi è costato un attacco un po' “leggero”, infatti in rosa conto Petagna, La Gumina, Farias, Kluivert e Machis ma di contro ho allestito un centrocampo abbastanza “ricco” di bonus, su tutti grazie a Chiesa, Benassi, Kessie e Fabian Ruiz e sono stato bravo a “risparmiare” 9 crediti molto utili per l’asta di riparazione (il terzo più ricco).

Il primo scambio che riesco a portare in porto, anche sulla base dell’esito della prima giornata di ritorno di serie A che mi ha obbligato a giocare in 10, riguarda i portieri in quanto ad inizio anno ho scelto Gomis e Milinkovic Savic della Spal (nel frattempo è arrivato Viviano ad accaparrarsi la maglia titolare) e Szczesny (alcune volte vittima del turnover). Opto per offrire Szczesny alla squadra Ares (che ha già Perin in rosa) e Viviani (mai sceso in campo con la Spal) ed in cambio porto a casa due titolarissimi come Audero e Rincon.

Siamo solo all’inizio della rivoluzione perché il meglio deve ancora venire e nel frattempo continuo a compiere operazioni “secondarie” ed il giorno dopo decido di “liberarmi” di due pedine che ad inizio anno ritenevo importanti nel reparto difensivo, ma che ultimamente sono andate nel “dimenticatoio” di Gasperini, cioè Gosens e Masiello.

Allora con il canale preferenziale per la formulazione di queste offerte durante l’orario di lavoro, invio un sms di Whatsapp al mister di “Bayern Manico” e gli offro Masiello (lui ha Toloi) e gli chiedo Di Lorenzo ma lui rifiuta (le 2 giornate successive realizzerà 2 gol); a questo punto disturbo “Birrareal”, visto che ha Mancini in rosa e Masiello sarebbe la sua alternativa, ed in cambio pretendo Lirola e portiamo a termine lo scambio.

Ma il giorno è ancora lungo e quindi provvedo a privarmi anche di Gosens e contatto “Manchester Sinty”,visto che ha già in rosa Hateboer e Castagne, e riesco a strappargli Milenkovic per la gioia di entrambi. Siamo a 4 scambi.

Questa ultima trattativa è anche l’occasione per gettare le basi anche per un’altra operazione più importante, infatti io ho l’esigenza di rinforzare l’attacco ed il mio avversario migliorare il centrocampo (attualmente ha in rosa Bonaventura, Perotti, Sandro, Candreva ed Allan in odore di PSG) e così, dopo alcune attente valutazioni da parte di entrambi, ufficializziamo lo scambio con il sottoscritto che si assicura Bonaventura e Pavoletti (stravedo per O’ Pavoloso) e rinuncio al centrocampista-bomber Benassi e Machis che nel frattempo è ai margini dell’udinese (dopo qualche giorno andrà all’estero).

Ecco, il mio attacco adesso può contare finalmente tre titolari come CR7, Pavoletti e Petagna ma non mi sento appagato e, visto che inizio a ricevere proposte per il mio gioiellino Chiesa e il rigorista Kessie (visto l’addio di Higuain), valuto di privarmi di queste due pedine solo per un top player in attacco ed è così che prende forma lo scambio che scuote tutta la lega con la capolista “Pincopallino Joe dream team”, di cui anche il suo presidente è un amante di scambi come il sottoscritto.

Dopo tantissime ore di trattative, centinaia di messaggi, e varie soluzioni, partoriamo lo scambio definitivo, il quale prevede la mia rinuncia a N’koulou, Kessie, Chiesa, De Rossi e Kluivert ed accolgo nella mia rosa Silvestre, Cristante, Boateng, Castro e bomber Bum Bum Piatek ( spinto anche dal mio cuore rossonero).

Ed è così che ho apportato 11 modifiche nella mia rosa e mi avvicino al mercato con un solo grande obiettivo, rinforzare il centrocampo in quanto attualmente prevede tre giocatori che hanno già finito la stagione o sono volati all’estero (Bonaventura, Castro e Boateng) ed eventualmente valutare se modificare qualcosa nel parco attaccanti (Piatek, CR7, Pavoletti e Petagna intoccabili, Farias e La Gumina da valutare). Sotto una fitta nevicata vado all’appuntamento dell’asta con tante idee ma nel frattempo mi arriva la notifica di Fantagazzetta che mi informa che Farias è ufficialmente dell’Empoli e quindi con buone possibilità di giocare, altro giocatore incedibile quindi.

Ci sediamo intorno ad un tavolo ed il più ricco, cioè “Bayern Manico” si assicura Muriel, a seguire “Pincopallino Joe dream team” offre Linetty e non posso farmelo scappare avendo già Jankto in rosa e lo faccio mio ma vedo diminuire le possibilità di prendere il mio obiettivo primario per il centrocampo, cioè Zaniolo.

Ed è così che in 10 minuti vedo sfumare le prime scelte per la mediana, infatti se ne vanno Paquetà, Zaniolo e Duncan ma quando è l’ora di Bentancur non posso farmi trovare impreparato e me lo assicuro. Con questa mossa siamo a 12 cambi, e mi rimane da sostituire Bonaventura ed opto per una scommessa, ogni anno ne provo almeno un paio, e porto a casa Piazon.

Direi che ho praticamente finito, ma visto che siamo in ballo continuiamo a ballare quindi prendo Iacoponi e Djidji nel pacchetto arretrato al posto di Dijks e Hysaj ( le ultime esclusioni e la discussione con Ancelotti non mi faceva dormire sonni tranquilli) e apporto l’ultima correzione in attacco, rinuncio a La Gumina (due dell’Empoli erano un po' troppi) e riesco a prendere Santander che avevo visto dal vivo in estate nel ritiro del Bologna a Pinzolo e mi aveva colpito per la forza fisica.

Ed è così che arrivo a 16 cambi rispetto alla rosa iniziale, per fortuna che sono terzo in classifica altrimenti cosa sarei stato in grado di fare?

Ah, per concludere, ho provato a vendere anche CR7 ma non ho ricevuto offerte interessanti.

Buon divertimento a tutti.

Mario - La mia Lega Fantagazzetta

Hai anche tu un #Fantaracconto che vorresti veder pubblicato su Fantagazzetta.com?

La tua asta è alle porte, o hai un aneddoto stagionale da volerci raccontare? Mandaci la tua storia, le foto, i video, e tutto ciò che reputi utile per poterti vedere protagonista di Fantagazzetta: i #Fantaracconti migliori verranno pubblicati sul sito e sulle nostre pagine social!

Invia il tutto via mail a fantaracconti [@] fantagazzetta.com, e non dimenticarti di linkare all'interno della mail la tua Lega Fantagazzetta altrimenti il racconto non potrà partecipare al contest.

Solo i migliori, quelli scritti meglio, più correttamente, e dettagliatamente, verranno selezionati e pubblicati!

QUI LE ALTRE PUNTATE DI #FANTARACCONTI

Condividi con i tuoi amici!