SHARE

Un gol, un ricordo: storia delle 22 reti di San Marino

Mattia stefanelli in gol nel 4-1 con la norvegia: era dal 2001 che i sammarinesi non andavano in gol fuori casa nelle qualificazioni mondiali


|

Era il 14 novembre del 1990: la nazionale di San Marino scendeva in campo per la sua prima partita dopo l'affiliazione a Fifa e Uefa, sancita due anni prima. C'era stata un'ufficiosa amichevole col Canada Olimpico e c'era stata la partecipazione ai Giochi del Mediterraneo (dove, però, partecipano le selezione Under23): stavolta si faceva sul serio e si si scendeva in campo per le qualificazioni agli Europei del 1992. In campo c'era anche Massimo Bonini (titolare della Juventus). Ad affrontare i sammarinesi era la Svizzera, che espugnò Serravalle con un rotondo 4-0, firmato anche da Chapuisat. 
Da allora San Marino è sceso in campo per 137 volte, perdendo ben 132 sfide, pareggiandone 4 e vincendone solo una. Se andiamo a vedere i dati sui gol, poi, i numeri restano altrettanto poco entusiasmanti: 586 reti subite e 22 segnate
L'ultima ieri, con Mattia Stefanelli che ha bucato la porta della Norvegia regalando a tutto il Paese del Titano il sogno di un pareggio esterno fin quando, poi, la selezione norvegese non si è svegliata vincendo 4-1: prima rete dopo 13 mesi, primo gol esterno nelle qualificazioni mondiali dopo 15 anni. 
Visto che i risultati non arrivano, è bene sottolineare con entusiasmo ogni gol, come l'account che segue la Federazione sammarinese fa giustamente dopo ogni rete messa a segno dalla propria nazionale. 

Ma la storia delle reti di San Marino inizia da lontano e arriva a ieri: 22 piccole, grandi gioie con chicche di storia e curiosità che andremo a sviscerare. Gol dopo gol, sorriso dopo sorriso, da Pasolini a Stefanelli: 22 passi nella storia per la Nazionale più simpatica del mondo. 

1) Valdes Pasolini (San Marino-Romania 1-3 - Qualificazioni Europei 1992 - 27/3/1991)

La prima, storica rete di San Marino arriva alla terza partita ufficiale della sua storia: si gioca a Serravalle, contro c'è la Romania di Hagi e Raducioiu (entrambi in gol), ma ciò che resta nella storia è il nome di Valdes Pasolini che, al 30', sigla il gol del temporaneo 1-1. In un attimo è storia, con l'attaccante del Cosmos di Serravalle che si assicura un posto nell'Olimpo calcistico. 
Oggi Valdes Pasolini è agente immobiliare e, talvolta, viene intervistato da giornali rumeni per ricordare quell'attimo eterno di gloria. 

2) Nicola Bacciocchi (Turchia-San Marino 4-1 - Qualificazioni Mondiali 1994 - 28/10/92)

Serve un anno e mezzo a San Marino per ritrovare la via del gol, ma quando lo fa cade un altro tabù: Nicola Bacciocchi segna il primo gol in trasferta. Anche qui è un momentaneo 1-1, non servirà ai fini del risultato finale, ma è un altro passo in avanti. In un Mays Stad di Ankara pieno come un uovo, l'allora centrocampista del Santarcangelo punisce una disattenta difesa turca con un tiro di sinistro dal cuore dell'area. 
Peraltro al ritorno con la Turchia, San Marino riuscì ad impattare 0-0: primo pareggio della storia. 

3) Davide Gualtieri (San Marino-Inghiterra 1-7 - Qualificazioni Mondiali 1994 - 16/11/93) 

Per le partite con le grandi, San Marino "invade" Bologna: c'era stato uno 0-7 con l'Olanda e ci si aspetta che contro l'Inghilterra non vada meglio. E invece Davide Gualtieri, punta dello Juvenes, segna un gol dopo 8,3 secondi: è il gol più veloce della storia delle qualificazioni mondiali, record battuto negli scorsi giorni da Benteke in Gibilterra-Belgio (7,1 secondi per andare in rete). 
L'Inghilterra poi vincerà con facilità, ma passò secondi terribili e consegnò, ancora una volta, la possibilità ad un giovane sammarinese, oggi titolare di un negozio di elettronica, di entrare nella storia. 

4) Pier Domenico Della Valle (Finlandia-San Marino 4-1 - Qualificazioni Europei 1996 - 14/12/1994)

Helsinki a dicembre non è forse la città più accogliente dal punto di vista climatico: si ambientò subito Pier Domenico Della Valle, centrocampista del Novafeltria, che segnò il quarto gol della storia di San Marino, inframezzando la quadrupletta di Mixu Patelainen, che adesso fa l'allenatore e da poco è stato esonerato dal Dundee Utd

5) Mauro Valentini (San Marino-Isole Far Oer 1-3 - Qualificazioni Europei 1996 - 11/10/1995)

Anche contro le piccole San Marino fatica: le Far Oer portano via una vittoria una bella vittoria da Serravalle, con Todi Jonsson mattatore (tripletta), ma attimi di gloria anche per Mauro Valentini, italo-sammarinese nato a Viterbo e di proprietà del Rimini. 
Peraltro la vittoria fu un evento per le Far Oer, che dedicarono ampio spazio al successo nel loro telegiornale.

6) Andy Selva (San Marino-Austria 1-4 - Qualificazioni Europei 2000 - 14/11/1998)

Dopo un percorso di qualificazioni ai Mondiali del 1998 privo di reti, ecco che sulla strada di Belgio-Olanda 2000 inizia l'epoca di Andy Selva, storico capitano e bomber della selezione sammarinese. Una storia che inizia con il rigore della "bandiera" nel 4-1 interno contro l'Austria: l'attaccante, allora del Catanzaro, sigla il primo gol di una serie che lo vedrà grande protagonista. 

7) Andy Selva (Belgio-San Marino 10-1 - Qualificazioni Mondiali 2002 - 28/2/2001) 

Primo gol del nuovo millennio per San Marino: il sigillo è di Andy Selva, diventato attaccante anche del club San Marino e primo giocatore sammarinese a segnare due gol per la sua nazionale. 
La partita, però, finisce con un larghissimo 10-1 per i belgi, ma ciò non toglie il gusto di esultare per un gol arrivato al 90'. 

8) Nicola Albani (Lettonia-San Marino 1-1 - Qualificazioni Mondiali 2002 - 25/4/2001)

Il secondo pareggio della storia per San Marino, il primo con gol: anche questa, a suo modo, una rete storica. La partita inizia con un gol lettone al 1' (a segnarlo Marian Pahars, attuale ct della Lettonia): sembra il preludio alla consueta goleada. Eppure San Marino resiste, gioca con orgoglio e nella ripresa trova il pari con Nicola Albani, difensore del Cattolica e omonimo di un noto viaggiatore. Forse per questo il suo resterà, per ben 14 anni, l'ultimo gol ufficiale di San Marino in una partita ufficiale.

9) Andy Selva (San Marino-Belgio 1-4 - Qualificazioni Mondiali 2002 - 6/6/2001)

Il gironcino di qualificazione ai Mondiali del 2002 si chiude con ben 3 reti all'attivo per la nazionale sammarinese: non male per una nazionale che ne aveva segnate solo cinque nei primi 11 anni di vita. Ancora Andy Selva sul tabellino dei marcatori, ancora il Belgio ad essere bucato: stavolta è la rete dell'1-1, un risultato che resiste fino a 30 minuti dalla fine, con la nazionale ospite che poi dilaga nel finale. 

10 e 11) Nicola Ciacci e Alex Gasperoni (Liechtenstein-San Marino 2-2 - Amichevole - 20/8/2003)

Agosto a Vaduz foriero di soddisfazioni per San Marino: le qualificazioni a Euro 2004 non hanno portato reti (e non ne porteranno neanche nell'ultima partita contro la Svezia nel settembre successivo), ma in un'amichevole con il Liechtenstein arrivano un nuovo pareggio (il terzo della storia) e due reti in un solo match: mai successo prima. 
I gol sono firmati da Nicola Ciacci, attaccante del Fossombrone (di lì a poco diventerà Fc Bikkembergs Fossombrone), e Alex Gasperoni, centrocampista del Castel San Pietro e permettono di riagguantare la nazionale di casa, andata sul 2-0 in apertura di gara: è il preludio a qualcosa di epocale che accadrà dopo pochi mesi. 

12) Andy Selva (San Marino-Liechtenstein 1-0 - Amichevole - 28/4/2004)

Giro di boa del nostro racconto e un risultato che fa davvero la storia: è la prima e finora unica vittoria di San Marino. Seppur in amichevole, i sammarinesi sconfiggono quel Liechtenstein già fermato sul pari pochi mesi prima: è Andy Selva, ormai bandiera e capitano della Nazionale, a segnare dopo sei minuti il gol-vittoria con una perfetta punizione. Selva, ormai lanciato a buon livello nel calcio italiano (gioca nella Spal e giocherà a Sassuolo e Verona), è sempre più l'idolo di San Marino. 

13) Andy Selva (San Marino-Belgio 1-2 - Qualificazioni Mondiali 2006 - 30/3/2005)

Ancora Andy Selva: bestia "nera" per il Belgio, che subisce dall'attaccante la terza rete siglata da San Marino contro i "Diavoli Rossi". A salvare i belgi dalla figuraccia è Van Buyten, che al 65' sigla il gol dell'1-2. Da segnalare, nel Belgio, la presenza di 3 "italiani": Silvio Proto, Luigi Pieroni e Roberto Bisconti. 

14) Andy Selva (San Marino-Bosnia 1-3 - Qualificazioni Mondiali 2006 - 4/6/2005) 

Seconda rete in due partite consecutive: mai San Marino aveva segnato in due partite di fila. L'onore tocca ancora una volta a Selva, che al 40' accorcia le distanze dopo la doppietta di Salihamidzic. 

15) Manuel Marani (San Marino-Irlanda 1-2 - Qualificazioni Europei 2008 - 7/2/2007)

A un passo dal sogno: solo un gol di Ireland (nomen omen) nel recupero toglie a San Marino la gioia di conquistare il primo punto nelle qualificazioni agli Europei. Ad aver illuso il popolo di Serravalle era stato Manuel Marani, attaccante all'epoca in forza alla Dozzese, che avrà modo di rifarsi per restare negli annali sammarinesi. 
Da segnalare che, tra questo gol ed il precedente, San Marino perse 13-0 contro la Germania: peggior sconfitta della sua storia.

16) Andy Selva (San Marino-Galles 1-2 - Qualificazioni Europei 2008 - 17/10/2007)

Il filotto di Andy Selva riprende nella corsa agli Europei del 2008, quelli di Polonia e Ucraina. A cadere sotto i colpi del bomber è il Galles che, però, espugna il non ostico Olimpico di Serravalle per 2-1. 
In campo nel San Marino c'era anche Bonini: non Massimo, ma Giovanni. Non giocava nella Juventus ma, più prosaicamente, nel Real Misano. 

17) Andy Selva (San Marino-Slovacchia 1-3 - Qualificazioni Mondiali 2010 - 11/10/2008)

Questo è l'ottavo gol di Andy Selva, ultimo finora. Il record (difficilmente battibile segnando così raramente) viene siglato in una sfida contro la Slovacchia, valevole per il pass a Sudafrica 2010. In gol, per gli avversari, anche l'ex Lazio Libor Kozak, ma ci preme evidenziare ancora una volta la gran prestazione di Selva che - escluso Massimo Bonini che giocò poco con la nazionale creata per lui troppo tardi - resterà il più grande giocatore della storia di San Marino. 

18 e 19) Manuel Marani e Danilo Rinaldi (San Marino-Malta 2-3 - Amichevole - 14/8/2012)

Il digiuno dura 4 anni, ma viene rotto con due reti in un'amichevole contro Malta. La prima delle due è a firma di Manuel Marani, che sale a quota due marcature in carriera (il primo a riuscirci dopo Andy Selva), la seconda la segna Danilo Ezequiel Rinaldi, argentino naturalizzato sammarinese. Nonostante le due reti, però, arriva la sconfitta

20) Alessandro Della Valle (San Marino-Polonia 1-5 - Qualificazioni Mondiali 2014 - 10/9/2013)

Questo è, al momento, l'ultimo gol segnato da San Marino in una partita casalinga: il momentaneo pari contro una Polonia che poi vincerà 5-1. A segnarla un difensore, Alessandro Della Valle, che ha militato in squadre come la Scout Due Emme e la Tropical Coriano. 

21) Matteo Vitaioli (Lituania-San Marino 2-1 - Qualificazioni Europei 2016 - 8/9/2015) 

Dopo 15 anni San Marino (che nelle qualificazioni a Francia 2016 aveva strappato un pari all'Estonia) torna a segnare in trasferta: lo fa Matteo Vitaioli, che su Twitter viene proclamato Pallone d'Oro honoris causa
La rete arriva su punizione, ma la beffa al 92' è atroce: la Lituania vince, sfugge il sogno di chiudere il girone a due punti. 

22) Mattia Stefanelli (Norvegia-San Marino 4-1 - Qualificazioni Mondiali 2018 - 11/10/2016)

Il nostro viaggio termina ieri: ancora un gol alla fine inutile, ma ancora un gol che accende gli entusiasmi di tanti. Si esalta l'account Twitter, si esalta la stampa sammarinese che parla di "Notti Magiche"
Una bella soddisfazione per Mattia Stefanelli, chissà se riuscirà a togliersene ancora. Intanto, però, ha fatto prendere un gran bello spavento ai norvegesi. 


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!