SHARE

Aprile dolce dormire, ma non per la Vecchia Signora

Nel quarto mese dell'anno i bianconeri saranno impegnati in un vero tour de force tra Campionato, Coppa Italia e Champions League


|

Questo venerdì 17 non può dirsi certamente fortunato per i colori bianconeri. Dall'urna di Nyon la sorte, travestita per un giorno da Ian Rush, ha regalato alla Juventus una sfida incredibilmente affascinante ed allo stesso modo difficile. Agli ottavi di finale di Champions League Buffon e compagni dovranno vedersela nientemeno con con i marziani Messi, Suarez e Neymar o, se preferite, la MSN.

La sfida di andata è prevista per il prossimo 11 di aprile allo Juventus Stadium, mentre 8 giorni più tardi si terrà la gara di ritorno al Camp Nou, un altro leggero vantaggio per la squadra che parte già favorita, almeno secondo i bookmaker. Con l'aggiunta di questo doppio importante confronto il mese di aprile diventerà quello più decisivo per il bilancio stagionale dei bianconeri, andiamo a vedere il perché.

Nemmeno il tempo di digerire il cosiddetto Pesce d'Aprile che per la Vecchia Signora sarà già l'ora di scendere in campo in un'altra sfida fondamentale. Domenica 2 aprile alle ore 20:45 Higuain farà il primo ritorno in quel San Paolo che tanto lo aveva amato fino a pochi mesi fa. Nel posticipo della trentesima giornata la Juventus scenderà in campo contro il Napoli, in una partita che potrebbe dare una svolta decisiva sia per la corsa Scudetto che per il piazzamento sul podio del nostro campionato. La tensione tra le due tifoserie inoltre non aiuterà neppure a creare un clima disteso intorno a tale match. Tre giorni più tardi ci sarà poi la semifinale di ritorno di Coppa Italia ed i bianconeri dovranno difendere il 3-1 dell'andata proprio dal Napoli di Sarri, affrontando gli azzurri nuovamente nel capoluogo partenopeo.

Passata la tre giorni napoletana i bianconeri faranno ritorno in quel di Torino, ma prima di affrontare la gara di andata contro il Barcellona dovranno vedersela con il Chievo, l'appuntamento è fissato per sabato 8 aprile alle ore 20:45, visti i numerosi impegni importanti e ravvicinati non ci stupiremmo se Allegri decidesse di sfidare i mussi volanti applicando un massiccio turn over. Poi, come detto, sarà la volta della prima cruciale sfida contro il Barcellona. Le capacità di realizzative di Higuain contro quelle di Suarez, la fantasia di Dybala contro quella di Messi, la prepotenza fisica di Mandžukić contro l'agilità di Neymar, questo e tanto altro in uno degli scontri più importanti dell'annata bianconera.

A fare tra intramezzo tra le due gare con i blaugrana ci sarà il turno di campionato, per fortuna della Juventus. L'impegno non sarà di quelli proibitivi, ad aspettare gli uomini di Allegri ci sarà infatti il Pescara di Zeman che, a quel punto della stagione, potrebbe aver già detto addio ad ogni velleità di salvezza.

Il 19 aprile sarà invece data da circolino rosso sul calendario. La trasferta in Cataluña sarà tra le più difficili della stagione juventina. Nella sfida di ritorno, al di là del risultato dell'andata, i bianconeri dovranno aggiungere all'incredibile tasso tecnico degli avversari anche la pressione del pubblico blaugrana, capace, nelle giornate decisive, di trasformare il Camp Nou in un catino infernale.

Indipendentemente da come andrà la doppia sfida contro il Barcellona il mese di aprile juventino si concluderà poi con le due partite di campionato: il 23 Dybala e soci potranno contare sull'aiuto dello Juventus Stadium per vendicare la sconfitta dell'andata contro il Genoa. Sette giorni più tardi sarà invece la volta dell'ultima trasferta del mese, ad attendere la Juventus ci sarà l'Atalanta di Gasperini in quel di Bergamo.


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!