SHARE

Fasce provvisorie sorteggio Champions League 16/17: le italiane

LA VINCENTE DELLO SCUDETTO SARA’ TESTA DI SERIE, SE NON VINCENTI LA JUVENTUS PARTIRA’ DALLA SECONDA, IL NAPOLI FRA LA SECONDA E LA TERZA, LA ROMA PROBABILMENTE IN QUARTA. RISCHIO PLAYOFF DA “NON TESTA DI SERIE” PER ROMA, INTER E FIORENTINA


|

di Marco De Santis

 

 

Come l’anno scorso torna l’appuntamento settimanale con l’aggiornamento delle fasce provvisorie della prossima Champions League (edizione 2016/17) date le attuali classifiche dei principali campionati europei. 

 

Prima di partire è necessario fare un rapido riepilogo delle ipotesi di base prese in considerazione:

 

1) In alcuni campionati ci sono squadre che devono recuperare delle partite, cosa che potrebbe incidere anche pesantemente sulle classifiche.

 

2) Alcuni campionati hanno una formula diversa dal semplice girone all’italiana. Ad esempio in Grecia ci sono dei playoff a girone per determinare la seconda qualificata in Champions League; in Belgio le prime sei della stagione regolare danno vita a una seconda fase nella quale si scontrano tutte di nuovo ereditando dalla regular season solo la metà dei punti fatti (arrotondati per eccesso nel caso di punteggio dispari), ecc… 

 

3) Le competizioni UEFA attualmente in corso possono variare i punteggi nel ranking UEFA incidendo direttamente sulle posizioni delle varie squadre nelle fasce del prossimo anno.

 

4) Il turno di partenza della vincente dell’Europa League non è fisso e stabilito ma è correlato direttamente alla posizione occupata nel rispettivo campionato dalla squadra detentrice della Champions League, perché c’è solo un posto nel tabellone dei gironi a disposizione per eventuali “squadre detentrici”.

 

Date le squadre ancora in corsa in Europa, gli scenari che potrebbero capitare sono i seguenti:

 

- La vincente della Champions League 2015/16 si qualifica alla fase a gruppi della Champions League 2016/17 anche attraverso il suo campionato nazionale (esempio: prima e seconda di Serie A): in questo caso la vincente dell’Europa League 2015/16 viene promossa direttamente alla fase a gironi della Champions League 2016/17.

 

- Le vincenti delle due coppe europee si qualificano alla fase a gruppi della Champions League 2016/17 anche attraverso il loro campionato nazionale: la vincente del campionato greco (13a nazione nel ranking finale del quinquennio 2010/15) viene promossa automaticamente alla fase a gironi occupando il posto originariamente destinato ai detentori e non utilizzato.

 

- La vincente della Champions League 2015/16 si piazza in campionato in una posizione che le darebbe diritto a partire dai playoff nella Champions League 2016/17 (esempio: terza in Serie A): in questo caso la vincente della Champions League 2015/16 parte ovviamente dalla fase a gironi, mentre la vincente dell’Europa League 2015/16 inizia il suo percorso dai playoff. Inoltre, se la vincente della Champions League 2015/16 non appartiene a una delle prime cinque nazioni del ranking 2010/15 (Spagna, Germania, Inghilterra, Italia e Portogallo), la terza in campionato del Portogallo viene costretta a partire dal turno preliminare precedente (andrebbe ad occupare il posto lasciato libero nel preliminare dalla vincente della Champions League e lascerebbe il suo posto nei playoff alla vincente dell’Europa League). 

 

- La vincente della Champions League 2015/16 non conquista il diritto di partecipare alla Champions League 2016/17 anche tramite il proprio campionato nazionale (esempio: arriva dopo il terzo posto in Serie A): in questo caso la vincente della Champions League 2015/16 parte dalla fase a gironi, la vincente dell’Europa League 2015/16 inizia dai playoff ma, a differenza del caso precedente, le terze di Italia e Portogallo sono obbligate a scendere in campo già nel turno preliminare (la motivazione è intuitiva: al “tabellone piazzati” parteciperebbero 16 squadre – e non più 15 - con 5 posti Champions disponibili, quindi sarebbe necessario farne giocare 12 nel turno preliminare in modo che le 6 vincenti si vadano ad aggiungere alle 4 già ai playoff per riportare a 10 le squadre che scenderebbero in campo nei playoff). 

 

E’ evidente che non ha senso qui presentare tutte le possibili fasce di sorteggio a seconda di quello che effettivamente si verificherà sul campo, perciò ho deciso arbitrariamente di procedere nel modo seguente: settimana dopo settimana vi aggiornerò brevemente sulla posizione in classifica in campionato delle squadre ancora in corsa nelle due coppe europee, mentre lo scenario scelto è quello “peggiore possibile” per l’Italia, ovvero quello in cui la Champions League 2015/16 venga vinta dalla squadra peggio piazzata nel proprio campionato nazionale rispetto alla possibilità di qualificarsi alla Champions League e l’Europa League da una squadra che non sia in grado di qualificarsi per la Champions League tramite il suo campionato. Inoltre, in caso di più squadre nella medesima condizione, “promuoverò” in Champions League la straniera con il ranking Uefa migliore.

 

SITUAZIONE PROVVISORIA DELLE SQUADRE ANCORA IN CORSA IN EUROPA

 

CHAMPIONS LEAGUE

 

Matematicamente qualificate alla fase a gruppi di Champions League 2016/17: Bayern Monaco e Paris Saint-Germain  

 

Provvisoriamente qualificate alla fase a gruppi di Champions League 2016/17: Barcellona, Real Madrid, Atletico Madrid, Benfica

 

Provvisoriamente qualificata ai playoff di Champions League 2016/17: Manchester City

 

Provvisoriamente esclusa dalla Champions League 2016/17: Wolfsburg

 

EUROPA LEAGUE

 

Provvisoriamente qualificata alla fase a gruppi di Champions League 2016/17: Borussia Dortmund

 

Provvisoriamente qualificate ai playoff di Champions League 2016/17: Villarreal, Sparta Praga, Shakhtar Donetsk

 

Provvisoriamente escluse dalla Champions League 2016/17: Siviglia, Athletic Bilbao, Liverpool, Sporting Braga

 

Il risultato di questa situazione è che per questa prima simulazione considero l’ipotesi che vede il Wolfsburg come vincitore della Champions League e il Siviglia come vincitore dell’Europa League.

 

FASCE PROVVISORIE

 

Queste sarebbero le quattro urne a oggi date le premesse e ricordando che dall’anno scorso le teste di serie sono le vincitrici dei sette campionati nazionali dei paesi con il ranking migliore (nel quinquennio 2010/15: Spagna, Germania, Inghilterra, Italia, Portogallo, Francia, Russia) e la vincitrice della Champions League 2015/16 (se già presente come campione nazionale sostituita dalla vincente del campionato dell’ottava nazione del ranking, in questa stagione l’Ucraina). In verde le qualificate direttamente, in azzurro le 5 squadre con ranking migliore fra le partecipanti ai playoff “campioni nazionali”, in giallo le 5 squadre con ranking migliore fra le partecipanti ai playoff “piazzati” con le altre posizionate in fondo alla tabella, in corsivo le ipotizzate detentrici delle due coppe europee:

 

 

fasce2303

 

Alcune considerazioni generali su questo primo aggiornamento:

 

- Delle prime 20 squadre del ranking Uefa attuale rimarrebbero fuori le inglesi Manchester United e Chelsea (rispettivamente a 1 e 11 punti di distacco per ora dal quarto posto in Premier League), la spagnola Valencia (ben 20 i punti di distacco dal quarto posto in Liga), i tedeschi del Bayer Leverkusen (a 2 punti dal quarto posto in Bundesliga)  e lo Zenit San Pietroburgo (a 4 punti dal secondo posto nel campionato russo). Di queste la miglior piazzata nel ranking è il Chelsea, che chiuderà il quinquennio 2011/16 in quinta posizione. La miglior italiana a restare per il momento fuori è il Milan, che occupa la 25° posizione, due posti davanti alla Lazio e cinque prima dell’Inter

 

- La Juventus è la migliore squadra italiana e occuperà a fine stagione il 9° posto nel ranking Uefa. La posizione conquistata nel quinquennio 2011/16 e la già certa presenza del Paris Saint-Germain nelle teste di serie in quanto vincitore del campionato francese permettono ai bianconeri di avere la certezza di partire come minimo dalla seconda fascia. Infatti, anche se le altre sette teste non dovessero appartenere alla top 8 del ranking (ipotesi altamente improbabile) e la Juventus non dovesse vincere lo scudetto (non conquistando così automaticamente un posto fra le teste di serie), i bianconeri retrocederebbero nella peggiore delle ipotesi all’ultimo posto della seconda fascia. 

 

- Il Napoli occupa attualmente l’ultimo posto della seconda fascia. In caso di non vittoria dello scudetto è questa la fascia più probabile per i partenopei, ma non sono nulli i rischi di retrocedere in terza. In particolare, oltre a “gufare” per l’uscita di scena di alcune “colleghe” di seconda fascia (nei campionati nazionali o al più tardi nei preliminari), bisogna fare molta attenzione al cammino del già citato Zenit San Pietroburgo in Russia e del Siviglia sia in Liga che in Europa League, visto che ai detentori del secondo trofeo continentale potrebbe bastare la qualificazione alla semifinale di Europa League per superare il Napoli nel ranking Uefa.  

 

- La Roma ha una situazione piuttosto complicata. In caso di conferma del terzo posto a fine stagione deve infatti fare affidamento su un numero piuttosto elevato di coincidenze per conquistare in extremis un posto fra le cinque teste di serie dei playoff. Le partecipanti ai playoff provenienti dal campionato portoghese, ucraino e olandese sembrano ormai destinate ad avere un ranking migliore dei giallorossi, cosa che non è così difficile che accada anche da chi arriva dal campionato spagnolo, inglese, tedesco e russo. Nello scenario attuale, che vede il Wolfsburg testa di serie e il Siviglia ai playoff, la Roma sarebbe costretta a partire dai preliminari (come testa di serie) prima di affrontare da non testa di serie i playoff contro rivali difficili o comunque insidiosi (Schalke 04, Manchester City, Porto, Siviglia, Shakhtar Donetsk). Nel caso in cui la Champions League venisse vinta da una squadra campione nazionale sparirebbe dal lotto il Siviglia (che sarebbe direttamente qualificato alla fase a gironi), sostituito come quinta testa di serie dei playoff dal PSV Eindhoven. Dovesse qualificarsi alla fase a gironi la Roma sarà probabilmente destinata alla quarta fascia, visto che attualmente si posizionerebbe dietro al Salisburgo e davanti al Celtic Glasgow. Inoltre i giallorossi rischiano prima di fine stagione di subire il sorpasso nel ranking dello Sparta Praga. 

 

- Le principali inseguitrici della Roma, ovvero Inter e Fiorentina, in caso di aggancio al terzo posto avrebbero un destino molto simile fra loro, visto che sono divise nel ranking Uefa da appena tre posizioni (Inter 30°, Fiorentina 33°) e fra di loro il solo PSV Eindhoven può qualificarsi alla prossima Champions League visto che l’altra squadra che si frappone, il Galatasaray, oltre a non ottenere grandi risultati nel campionato turco deve anche scontare il “ban” Uefa per violazione degli accordi transattivi del Fair Play Finanziario. L’Inter attualmente sarebbe la prima delle non testa di serie mentre la Fiorentina la seconda delle non teste di serie (e in caso di qualificazione entrambe entrerebbero nei gironi in terza fascia davanti allo Sporting Lisbona, ma a rischio quarta fascia in caso di risultati sfavorevoli provenienti dai vari campionati). Sia Inter che Fiorentina possono essere superate nel ranking prima della fine della stagione da Wolfsburg, Villarreal e Liverpool. 

 

- Date le ipotesi, per il momento fra le teste di serie notiamo tre squadre che sarebbero sicuramente preferibili da chi testa di serie non è, ovvero il Wolfsburg, il Leicester City (che difficilmente sarà in grado di confermare la squadra dei miracoli di quest’anno e potrebbe pagare il doppio impegno) e il CSKA Mosca. Come principale mina vagante notiamo in terza fascia la presenza del Tottenham, che molto difficilmente salirà in seconda ma può ancora puntare la prima vincendo la Premier League (nel qual caso il Leicester City sprofonderebbe in quarta), da non sottovalutare anche il Siviglia mentre le altre, chi più chi meno, non dovrebbero rappresentare un ostacolo particolarmente impegnativo per Juventus e Napoli.

 

- Oltre alle già citate Paris Saint-Germain e Bayern Monaco già qualificate alla fase a gruppi (con i francesi sicura testa di serie), anche Barcellona, Borussia Dortmund e Ajax sono certi di partecipare alla prossima edizione partendo nella peggiore delle ipotesi dai preliminari, mentre l’Olympiakos ha già vinto il campionato greco e presenzierà ai preliminari dei “campioni”, a meno di non essere ripescato direttamente alla fase a gironi come campione nazionale della 13° nazione del ranking se le due coppe continentali verranno vinte da squadre in grado di conquistare un posto alla fase a gironi di Champions League anche nel rispettivo campionato di appartenenza. 

 

Appuntamento a martedì 5 aprile per un nuovo aggiornamento delle fasce provvisorie di Champions League dove andremo ad analizzare gli eventuali cambiamenti fascia per fascia e le situazioni più interessanti dei principali campionati europei. 

 

 

 


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!