SHARE

Conosciamoli meglio: Robin Van Persie

Carriera, biografia e caratteristiche tecniche dell'uomo mercato di quest'estate


|

 

Obiettivo della Juventus, e, stando alle ultime, anche del Manchester City

Ma chi é Robin Van Persie

 

Studiamo il calciatore in tutti i dettagli, ed analizziamone biografia e crescita, grazie a questo interessante ed accurato focus di Canale Juve

 

Nonostante non abbia bisogno di presentazioni, proviamo a conoscere meglio Robin Van Persie, facendo un tuffo nel suo passato e analizzando tecnicamente le doti del futuro (si spera) centravanti bianconero.

 

 

*  *  *  *  *  *  *

 

BIOGRAFIA – Nato a Rotterdam il 6 Agosto del 1983, iniziò la sua carriera nelle giovanili della squadra olandese SBV Excelsior nel 2001. Dopo aver firmato con il Feyenoord, debuttò in prima squadra a soli diciassette anni. All’inizio della stagione seguente firmò il primo contratto professionistico della durata di tre anni e mezzo; giocò inizialmente fra le riserve concludendo la stagione in prima squadra. Realizzò in totale 28 presenze con 8 gol all’attivo arrivando con la sua squadra anche in finale nella Coppa d’Olanda.

Nella stagione 2003-2004 collezionò 28 presenze con 6 gol all’attivo. Il 17 maggio 2004 si trasferì all’Arsenal per circa 3 milioni di sterline firmando un contratto di quattro anni con la squadra londinese. Tuttavia la maggior parte dell’inizio della stagione 2004-2005 van Persie la passò in panchina. Nel suo ritorno in prima squadra segnò numerosi gol chiudendo la stagione con 10 gol in 40 presenze.

Le sue prestazioni gli valsero il premio “Giocatore del mese di novembre” a seguito dei suoi otto gol in otto partite. Poco tempo dopo arrivò anche il prolungamento del contratto di 5 anni, fino al 2011. Due giorni dopo aver firmato il contratto, van Persie subì un brutto infortunio durante la partita di FA Cup contro il Cardiff. Questo problema gli impedì di scendere in campo con la sua squadra nella finale di Champions League, persa 2-1 contro il Barcellona.

La stagione 2006-2007 iniziò con un gol al volo contro il Charlton Athletic nominato dalla BBC Gol del Mese di settembre, e fu incoronato nel calendario dell’anno 2006 come Sportivo dell’anno di Rotterdam. Il 21 gennaio arrivò un altro infortunio, si ruppe il quinto metatarso del piede destro nella partita contro il Manchester United. Finì la stagione come capocannoniere della squadra con 13 gol.

Nella stagione 2007-2008, dopo un periodo di sette gol in dieci partite, Van Persie rimase fermo per due mesi per un infortunio accusato durante un impegno internazionale.

L’anno successivo, aprì la stagione 2008-2009 con una doppietta nella vittoria per 3–0 dell’Arsenal contro il Newcastle United. L’infortunio  del capitano Cesc Fàbregas e l’assenza del vice Almunia, permisero a Robin di indossare per la prima volta la fascia di capitano dell’Arsenal il 3 gennaio 2009 nella vittoria per 3-1, nel terzo turno di FA Cup, contro il Plymouth Argyle, dove il neo-capitano mise a segno una personale doppietta.

Protagonista anche con la sua Nazionale, a metà della stagione 2009-2010 nel corso dell’amichevole Italia-Olanda, subisce un duro contrasto del difensore azzurro Giorgio Chiellini che lo costrinse a lasciare il campo in barella; gli esami post-partita rivelano la rottura dei legamenti della caviglia, infortunio che costrinse il giocatore ad un’assenza di alcuni mesi. Sul finire della stagione 2010-2011 tornò titolare segnando 14 gol nelle ultime 14 partite.

Iniziò la sua stagione con un goal a Udine in cui la sua squadra, passò ai Preliminari di Champions League qualificandosi alla fase finale del torneo. Il suo primo gol stagionale in Premier League arriva nella pesantissima sconfitta all’Old Trafford per 8-2. Realizza due triplette e la doppietta decisiva contro il Liverpool ad Anfield nella la vittoria per 2-1 dell’Arsenal. L’11 aprile 2012, segnando il gol del vantaggio nella vittoria per 3-0 contro il Wolverhampton su calcio di rigore, diventa il secondo giocatore a segnare a 17 squadre diverse in una singola stagione in Premier League. Il 22 aprile 2012 viene eletto Calciatore dell’anno in Inghilterra divenendo così il 5º giocatore nella storia dell’Arsenal ad alzare questo trofeo. Termina la stagione con 30 gol all’attivo diventando così il capocannoniere della stagione di Premier League 2011-2012.

 

CARATTERISTICHE TECNICHE – I suoi 187 cm per 71 kg, rendono Van Persie un centravanti potente ma contemporaneamente capace di svariare lungo tutto il fronte offensivo. Senza dubbio è da considerarsi una prima punta atipica in quanto partecipa molto alla manovra della squadra non disdegnando l’assist per i compagni. Abilissimo anche nei calci da fermo, l’ultima stagione è stata senza dubbio quella della sua definitiva consacrazione, con il suo record personale di realizzazioni. Euro 2012 potrebbe essere l’occasione per esaltare ulteriormente le sue doti realizzative.

 

GIUDIZIO – Robin Van Persie risponde perfettamente all’identikit di top-player indicato da Antonio Conte. Se il problema della Juve in questa stagione è stata a volte la sterilità delle prime punte che si sono alternate alla guida dell’attacco, l’olandese risulterebbe la soluzione a tutti i mali. Capace di adattarsi sia come punta centrale nel 4-3-3 che nell’attacco a 2 del 3-5-2, il numero 10 dei “Gunners” grazie al suo mancino vellutato, potrebbe esaltare magnificamente la mole di gioco prodotta dalla squadra di Conte. Dopo l’addio del Capitano Alex, Torino ha bisogno di un giocatore che faccia sognare il pubblico dello Juventus Stadium. Caro Robin ti aspettiamo a braccia aperte…

 

Davide Cozza per Canale Juve

Condividi con i tuoi amici!