SHARE

Da Maradona a Rooney, il goal da centrocampo

Il goal da metà campo, una delle prodezze più spettacolari del gioco del calcio


|

Segnare da metà campo è possibile in due modi. Il primo è dribblare mezza squadra avversaria e battere il portiere in uscita, oppure superando anche lui. Il secondo è accorgersi di poterlo sorprendere dai 50 metri, stoccando il pallone laddove l'estremo difensore avversario può arrivare soltanto in seguito alla corsa all'indietro, disperata, inutile, che quando la parabola è quella giusta, finisce per risucchiare il portiere insieme al pallone. La rete è lì, ferma, e li raccoglierà entrambi.

 

La prodezza di Rooney nella partita West Ham-Manchester United ha rievocato la bellezza del gol da centrocampo.

 

Maradona, Beckam, Recoba, Stankovic, e altri calciatori del presente e del passato, grandi e piccoli, sono riusciti a realizzare una delle maniere più spettacolari per andare in gol. Qualcuno è stato un abituè della realizzazione dalla distanza, qualcuno invece ha conservato il ricordo della prodezza come il gioiello di una carriera. Eppure, in ogni occasione, l'effetto è stato sempre lo stesso. L'incredulità del telecronista o del radiocronista, il clamore dei tifosi, la meraviglia dei compagni e lo sconforto misto all'ammirazione degli avversari. Ogni volta che il pallone schizza dai piedi dell'attaccante, nei pressi del centrocampo, per finire la sua parabola in fondo alla rete, pure la forza di gravità sembra che abbia trovato un accordo con l'esecuzione che realizza il prodigio. Forse anche per questo il regolamento del gioco calcio permette che si possa segnare da ogni punto del terreno di gioco. Uno spazio dove in fondo, meno male, può accadere di tutto.

 

Ecco alcuni gol del passato più lontano e di quello più recente

 

 

Diego Armando Maradona, uno che in questo genere ha saputo ripetersi spesso

 

 

 

Dejan Stankovic, che nei ricordi dei tifosi dell'Inter ha lasciato due perle di rara bellezza

 

 

 

 

Alvaro Recoba

 

 

 

Fabio Quagliarella, uno che in più occasioni ha dimostrato di saper sorprendere i portieri da ogni distanza

 

 

 

Fabrizio Miccoli, che col Chievo firmò uno dei gol più belli della sua carriera

 

 

 

Beppe Mascara, anche lui capace di ripetersi in un paio di occasioni. Quella nel derby col Palermo ha fatto storia.

 

 

 

E per chiudere, quello di Rooney.

 

 

Altri ancora se ne potrebbero ricordare, ma potrebbe giovare pure ricordare quello che Ambroce Bierce ha scritto nel suo "Dizionario del diavolo". "Audacia. Una delle più notevoli qualità dell'uomo quando è in una posizione inattaccabile". Gli attaccanti sono considerati meno pericolosi quando si trovano lontani dalla porta, ma per loro è anche più difficile segnare quando sono così distanti. Una maniera spettacolare di fare i conti con le teorie "diaboliche".

 

 

Sebastiano Di Paolo, alias Elio Goka

Condividi con i tuoi amici!