SHARE

THE FG-FILES: Kostas Manolas, Roma

Come cambia la Serie A: la presentazione di ogni nuovo acquisto, la sua storia, la fantascheda, le statistiche ed i fantaconsigli indispensabili in sede d'asta


|

CHI È. Il compito di sostituire il miglior difensore della scorsa Serie A spetterà a Kostantinos Manolas, arrivato dai campioni di Grecia dell’Olympiakos per 13 milioni di euro più 2 di bonus. Il giovane Nazionale greco, classe ’91, dopo un buon Mondiale che lo aveva visto anche tenere a bada il nuovo compagno di squadra Gervinho, aveva attirato l’attenzione di Juventus ed Arsenal, ma la proposta decisiva è stata quella della Roma, trovatasi a dover rinunciare a Benatia. Manolas ritrova in giallorosso il connazionale Torosidis, con cui ha condiviso mezza stagione all’Olimpiakos e l’avventura in Brasile fino agli ottavi di finale persi ai rigori con la Costa Rica.

 

451173776
                                Manolas festeggia con Torosidis, dopo aver eliminato Gervinho (Grecia-Costa D'Avorio 2-1, Getty Images)



Vanta già, nonostante la giovane età, una buona esperienza in ambito internazionale, avendo disputato due volte l’Europa League con l’Aek Atene e due volte la Champions League con l’Olimpiakos.

 

IL RUOLO. Difensore centrale di piede destro si giocherà il posto e alternerà probabilmente con un altro difensore che dovrebbe arrivare dal mercato dopo la partenza in prestito di Romagnoli (i nomi in queste ore sono quelli di Basa e Balanta). I mancini Castan e Astori completerebbero così il quartetto di difensori centrali che saranno impegnati tra campionato e Champions League. Nonostante l’investimento importante da parte della società, dovrà vedersela con una buona concorrenza: non può garantire in questo momento l’inamovilità che era di Benatia, ma dovrà conquistarsela. Sembra avere comunque tutte le qualità per imporsi.

 

CARATTERISTICHE TECNICHE. Alto 1.86, forte fisicamente, ma rapido, non gli fa difetto la velocità. Abilissimo nel gioco aereo, sa essere pericoloso anche nell’area avversaria. Alta concentrazione, sicurezza, capacità di marcatura, buon controllo di palla, fanno ben presagire per il suo ambientamento al calcio italiano. La difesa giallorossa ha perso comunque un leader come Benatia e il giovane arrivo dovrà dimostrare anche una sana dose di cattiveria e personalità, che certo non gli mancano, nella nuova realtà. 

Eccolo in azione durante l’ultimo Mondiale.

 

 

FANTACONSIGLI. La Roma ha puntato forte sul ragazzo e, se si ambienterà in fretta e confermerà le sue doti, sarà uno dei titolari. Di spazio nel corso della stagione ne troverà sicuramente nonostante la concorrenza (con un probabile altro arrivo al centro) non manchi. Ha tutte le carte in regola per fare bene: giocherà in quella che è stata l’anno scorso per larghi tratti la migliore difesa d’Europa (e i meriti non sono solo e tutti di Benatia), non può essere considerato tra i top del ruolo, ma potrebbe sorprendere ed impressionare anche i pagellisti. Con le sue proiezioni offensive, sulle palle inattive, dovrebbe regalare un paio di gol. Fiutate l'affare al giusto costo.

 

STATISTICHE. 66 presenze e 3 gol, il primo dei quali (19 maggio 2010) proprio all’Olympiakos (segnò dopo un infortunio al volto in uno scontro di gioco), nei tre campionati con la maglia dell’Aek Atene con cui ha collezionato anche 13 presenze e 2 reti in due edizioni dell’Europa League (2010/2011 e 2011/2012). 5 presenze ed 1 gol in Coppa di Grecia (vinta la 2010/2011). Con l’Olimpiakos ha conquistato due scudetti ed un'altra Coppa di Grecia (2012/2013), raccolto 49 presenze e 4 reti (3 delle quali nell’ultimo campionato) e cavalcato anche il grande palcoscenico della Champions League (13 apparizioni tutte da titolare e mai sostituito): 6 presenze nel 2012/2013 (Olympiakos eliminato alla fase a gironi nonostante 3 vittorie), 7 presenze l’anno scorso impreziosite da 2 gol, quello decisivo al Benfica (VIDEO) e un altro al PSG (VIDEO), e dalla sfida agli ottavi con il Manchester Utd che ribaltò con un 3-0 all’Old Trafford il 2-0 subito nell’infernale Karaiskákis di Atene. Conta 12 presenze con la Nazionale greca, quattro delle quali, da protagonista, nell’ultimo Mondiale.

 

Silvestro Giaquinto

Condividi con i tuoi amici!