SHARE

Doping ai Mondiali, quando l'Italia rifiutò l'offerta

Doping ai Mondiali, quando l'Italia rifiuto l'offerta


|

Fu un complotto. Così Diego Armando Maradona interpretò la sua positività al doping, durante Usa '94, in quello che rimane l'unico caso ufficiale nel massimo torneo organizzato dalla Fifa. La partita incriminata fu quella con la Grecia a Boston, nella quale l'Argentina schiacciò con un 4 a 0 la Grecia. La punta segnò la terza rete e l'esultanza feroce davanti alla telecamera, altro non fu che l'imitazione dell'Urlo di Munch, una scena televisiva che ora fa tranquillamente a gara, in popolarità, al dipinto del pittore norvegese.

 

Diego fu trovato positivo all'efedrina, sostanza solitamente usata nelle cure dimagranti. L'ex Napoli, infatti, era stato pregato dai vertici federali del calcio internazionale di non rinunciare a quel Mondiale che nella terra a stelle e strisce rischiava di essere un flop. “Quattro mesi prima dei mondiali – confermò in un'intervista nel 2009 Claudio Caniggia - gli organizzatori chiamarono Diego e gli dissero che avevano bisogno di lui. Diego era perplesso perchè il tempo a disposizione era troppo poco e non voleva fare una figuraccia davanti agli occhi del mondo, allora gli fecero capire che avrebbe potuto aiutarsi in qualunque modo, contando poi sul fatto non lo avrebbero controllato”. Così, però, non fu e la pillola per il numero dieci fu amarissima perchè la squalifica non arrivò nella gara successiva con la Nigeria, bensì in quella contro la Bulgaria, la cui partecipazione avrebbe permesso a Maradona di raggiungere il record di presenze alle competizioni mondiali.

 

In Brasile, come ad Usa '94, la condizione atletica torna ad essere una priorità, ribadita più volte anche dallo stesso Ct azzurro Prandelli. L'anno scorso, alla Confederations Cup giocata nella nazione verdeoro si è avuto un assaggio delle condizioni climatiche delle zone interessate alle gare e un giocatore di Tahiti, fu trovato positivo all'antidoping nel match contro l'Uruguay che prese a pallonate, otto i gol all'attivo, la Cenerentola  - eufemismo – del torneo. Promessi, come di rito, i soliti controlli di ferro, Maradona potrebbe comunque rimanere l'unico caso di positività ufficiale ma il doping, nel calcio è ancora tabù, nonostante la pratica sia alquanto datata.

 

Nei Mondiali svizzeri del 1954, la Germania vinse il titolo contro la favoritissima Ungheria di Pushkas, Hidegkuti e Kocsis. Cinque giorni più tardi, cinque giocatori tedeschi si ammalarono di ittero. “Non ho proprio idea di cosa possa essere successo” - raccontò Ottmar Walter quel giorno in campo – Io non venni colpito. Si pensò a cibo avariato”. I sospetti che furono usate sostanze illegali, passarono in cavalleria anche se nello spogliatoio tedesco giravano siringhe e non è detto che servissero per iniettare vitamine.

 

Il doping nel calcio è ancora oggi tabù, inimmaginabile fosse un problema negli anni '50. Nell'aprile del 1959, però, nella vecchia rivista “Calcio e Ciclismo illustrato”, l'ex Ct azzurro bi-campione mondiale Vittorio Pozzo, scrisse di suo pugno un articolo dal titolo “Droghe e foot-ball”, nel quale si spiegava come sostanze sospette furono offerte alla Nazionale addirittura negli anni Trenta. “Nel 1938, nel corso della preparazione per il campionato del Mondo – scrisse Pozzo - fui avvicinato per iscritto e di persona, in Italia prima e in Francia poi, da un amico che aveva combattuto nella guerra del 1915-18, colla Legione Garibaldina nelle Argonne, indi nell'Esercito Nostro, poi in quello francese. Era un coraggioso che io misi bellamente alla porta perchè mi proponeva l'uso, per i giocatori Azzurri, di droghe speciali secondo lui efficacissime”.
“Dice qualcuno – chiuse il Ct – che il fine giustifica i mezzi, e che per ottenere una prestazione di carattere eccezionale (…) vale bene la pena di ricorrere a mezzi artificiali o ad espedienti anormali anche nelle conseguenze. Ci si scusi, ma per noi la cosa sa di imbroglio, quasi di truffa”. 

 

Monia Bracciali

 

#tacchettiaspillo 

 

Redazione FG

diRedazione FG

FREELANCE CLASSE '81, AMANTE ROMANTICA, MA NON RICAMBIATA, DI CALCIO E F1. GIORNALISTA E INVIATA DALLA SERIE D FINO AL CALCIOMERCATO DI A, HA INIZIATO PER SFIDA ALLA FRASE FATTA 'LE DONNE NON CAPISCONO NIENTE DI PALLONE', DA QUI IL BLOG TACCHETTIASPILLO.COM. ETERNA NOSTALGICA DEGLI ANNI '90, COLLEZIONA LIBRI DI SPORT, FUMETTI DEI PEANUTS E FIALE DI VELENO.


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!