SHARE

THE FG-FILES: Lukasz Teodorczyk, Udinese. Consigli fantacalcio, ruolo e caratteristiche

Come cambia la Serie A: la presentazione di ogni acquisto, la sua storia, la fantascheda, le statistiche ed i fantaconsigli indispensabili in sede d'asta


|

Con la maglia dell'Anderlecht (Getty Images)

+
CHI È - L’ultimo sforzo del mercato estivo dell’Udinese è un attaccante da tenere sicuramente d’occhio: ?ukasz Teodorczyk era presente, insieme ad altre conoscenze del campionato italiano come Milik e Zielinski, all’ultimo Mondiale in Russia dove la sua Polonia è stata una delle più grandi delusioni subendo l’eliminazione nel girone con Senegal, Colombia e Giappone. Chiuso anche da Lewandowski, solo due subentri in campo per lui. Classe ’91, può vantare presenze in Champions League con le maglie dei suoi ultimi due club: Dinamo Kiev (due campionati vinti) ed Anderlecht, ma nessun gol. Meglio in Europa League, competizione in cui è riuscito a trovare più volte la via della rete sin dalla prima esperienza, nei turni di qualificazione, in patria con la maglia del Lech Poznan. Il club friulano, a caccia di un rinforzo per il reparto offensivo dopo le complicazioni per arrivare a Lapadula e Seferovic, ha virato sul centravanti in forza in Belgio dove ha segnato 37 reti in campionato nelle ultime due stagioni. I 22 gol del 2016/2017 gli sono valsi il titolo di miglior marcatore della Jupiler Pro League (come Bacca nel 2012/2013 con la maglia del Club Bruges) vinta dal suo club in quella stagione. Acquistato a titolo definitivo per circa 7 milioni, ha firmato un contratto quadriennale.
IL RUOLO – Riferimento centrale, prima punta e terminale offensivo in grado di aumentare il peso specifico del reparto offensivo di Velazquez. Il tecnico spagnolo con una corposa batteria di esterni e mezze punte, poteva contare infatti sul solo Lasagna (oltre all’inesperto classe ’97 Vizeu) al centro per il suo 4-2-3-1. Proprio con Lasagna, autore nella tormentata passata stagione con Delneri, Oddo e Tudor di 12 centri in Serie A, Teodorczyk dovrà giocarsi il posto da titolare. L’ex Carpi, che già ben conosce il campionato italiano, parte inevitabilmente avanti nelle gerarchie, ma per il polacco non mancheranno le occasioni anche dalla panchina come già successo alla prima giornata a Parma: con i friulani in doppio svantaggio, Velazquez ha messo dentro la sua punta di peso insieme a Lasagna partito dal 1’. I due con caratteristiche diverse sono in grado di coesistere, ma anche di alternarsi in base alle necessità e al canovaccio tattico.

CARATTERISTICHE TECNICHE – Attaccante possente, ma rapido nell’infilarsi alle spalle della difesa avversaria o ad avventarsi sui palloni che arrivano in area. Sa sfruttare tutti i suoi 185 centimetri con una ottima abilità del gioco aereo e tempismo e potenza nel colpo di testa, specialità in cui eccelle. Riesce a coordinarsi per concludere verso la rete con velocità e precisione e poca macchinosità.

FANTACONSIGLI – L’attaccante polacco è alla prima esperienza in un campionato più tattico come quello italiano ma tra Polonia, Ucraina e Belgio ha comunque alle spalle un bagaglio importante per non lasciarsi spaventare. L’Udinese sembra avere inoltre, in campo, dal centrocampo in su, gli uomini in grado di supportarlo al meglio in quanto a rifornimenti. Tutto da verificare comunque soprattutto contro avversari di livello contro cui non ha mai brillato in carriera. Non parte con i gradi del titolare, ma, qualora fosse snobbato in sede d’asta, prenderlo in accoppiata con Lasagna può essere decisamente proficuo e garantire un discreto bottino di reti. 

STATISTICHE – Inizia a mettersi in mostra in patria con la maglia del Polonia Varsavia con cui segna le prime 10 reti nel campionato polacco. Esplode nella stagione 2013/2014 con il Lech Poznan: segna 20 gol e 3 nei turni di qualificazioni di Europa League contro i finlandesi dell’Fc Honka e i lituani dello Zalgiris. Attira l’attenzione della Dinamo Kiev: nel 2014/2015 in Ucraina segna 5 gol in campionato ed in Europa League nelle vittorie contro Steaua nel girone, Guingamp ai sedicesimi, Everton agli ottavi; viene eliminato ai quarti dalla Fiorentina di Montella. Nel 2015/2016 deve recuperare da un infortunio al perone e gioca poco, segna ancora 5 gol nel campionato ucraino, in Champions non è protagonista ed esce agli ottavi contro il Manchester City di Pellegrini. La stagione successiva è all’Anderlecht: vince il titolo di capocannoniere in Belgio con 22 gol in 38 presenze, di cui 2 ai play-off, in Europa League segna 2 gol nel turno di qualificazione contro lo Slavia Praga e 5 nel girone contro Gabala e Magonza, la sua squadra esce ai quarti contro il Manchester Utd di Mourinho. Nella passata stagione ha giocato ancora la Champions League ma è stato umiliato con la sua squadra nel raggruppamento con PSG, Bayern Monaco e Celtic. Sono stati invece 15 i gol in 33 presenze nel campionato belga. Con la Polonia ha debuttato nel 2013, ha collezionato 19 presenze e segnato 4 reti, ma è sempre stato una semplice riserva come accaduto in Russia.

Vs Fiorentina ai quarti di Europa League nel 2015 (Getty images)

+

LA FANTASCHEDA - Ogni valutazione è puramente indicativa, e va implementata con le informazioni che verranno aggiornate, in tempo reale, mediante 'La Guida per l'asta perfetta di Fantagazzetta'. I valori segnalati vanno da un minimo di 0 ? (negativa) ad un massimo di 5 ? (eccellente).

VALORE ASSOLUTO DEL CALCIATORE: ???

VALORE FANTACALCISTICO DELL'ACQUISTO: ??

CONTINUITÀ: ???

POTENZIALE TITOLARITÀ: ??

RESISTENZA AGLI INFORTUNI: ???

TENDENZA AL BONUS IN PROPORZIONE AL RUOLO: ???


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!