SHARE

'Verità per Denis': "A maggior ragione con la famiglia Bergamini"

Commento della richiesta d'archiviazione da parte dell'associazione che ormai da anni affianca la famiglia del calciatore 'suicidato'


|

Rischia di chiudersi qui, in una bolla di sapone amara e clamorosa, la riapertura del caso di cronaca nera, insidiàtasi nello sport, più clamorosa della storia del calcio italiano. L'ex calciatore del Cosenza Denis Bergamini, 25 anni dopo, potrebbe morire nuovamente, dopo la tragica notte del 18 novembre 1989 durante la quale venne rinvenuto cadavere sulla statale 106 Jonica nei pressi di Roseto Capo Spulico. Ucciso, chissà da chi, chissà per qual motivo.

Il procuratore capo della Procura della Repubblica di Castrovillari, Franco Giacomantonio e la p.m. Maria Grazia Anastasia, hanno difatti chiesto l’archiviazione per i due indagati Isabella Internò (ex compagna di Bergamini, unica testimone della morte, indagata per concorso in omicidio) e Raffaele Pisano (il camionista che guidava l'autocarro sotto il quale, stando a quanto sostenuto dalla Internò, si sarebbe "buttato a pesce" Bergamini; indagato per favoreggiamento e false dichiarazioni) in merito all’inchiesta riaperta in funzione delle richieste della famiglia Bergamini e dell'avvocato che la assiste, Eugenio Gallerani. Le motivazioni alla base della richiesta d'archiviazione verranno rese note nel 2015: l'avvocato Gallerani, insieme alla famiglia Bergamini - che da allora lotta strenuamente per conoscere le verità in relazione alla morte del 27enne calciatore - avranno dieci giorni di tempo per decidere se opporsi o meno all’archiviazione.

L'associazione 'Verità per Denis' Bergamini, che da anni supporta la causa della famiglia, ha rilasciato una nota sul blog denisbergamini.com che segue le prime parole della sorella del calciatore, Donata. Questo il testo.

 

"Associazione ‘Verità per Denis’: “A maggior ragione, e con maggior vigore,

al fianco della famiglia Bergamini e della sua causa”

 

Alla luce delle notizie emerse in questi giorni in merito alla richiesta di archiviazione prodotta dalla procura di Castrovillari, l’associazione ‘Verità per Denis’ Bergamini esprime vicinanza e solidarietà alla famiglia Bergamini, vittima di una decisione che rischia di infangare definitivamente la lunga ricerca della verità e della giustizia per la storia d’un fratello e d’un figlio, prima che un calciatore, ucciso ormai oltre 25 anni or sono, in una notte i cui contorni, protagonisti, e carnefici, faticano a palesarsi. Anzi, meglio, ad essere individuati.

L’unica certezza, oggi, è che a distanza di 25 anni, l’abominio che si è consumato il 18 novembre del 1989 ha prodotto nuove vittime. Non solo il giovane uomo di 27 anni, il giocatore affermato che amava vivere, ma anche la sua famiglia che ieri è stata privata di un figlio, un fratello, un compagno e un amico, e oggi è depredata della speranza. Tradita com’è, oggi, da una giustizia che si è curata della vicenda in maniera solo superficiale, che ci riconsegna la negazione della verità in merito a quella che continuiamo a inquadrare, giocoforza, come la più assurda, incomprensibile ed incompiuta storia di cronaca nera italiana.

Od, al limite, perseguendo quelle che erano i legittimi intenti della famiglia Bergamini e dell’Associazione ‘Verità per Denis’, la negazione della ricerca della verità, che si è interrotta bruscamente, mettendo a rischio quelle che sono state le tante novità emerse nel corso degli ultimi, stancanti e dolorosi, mesi. E dire che sono serviti oltre 20 anni per convincere qualcuno che qualcosa non andava, in quel che c’era stato raccontato. Che le tempistiche d’intervento di chi di dovere fossero opinabili, forse, lo sapevamo già. Ma che si potesse arrivare a costringere una famiglia a mobilitarsi, non solo fisicamente ed emotivamente, ma anche giuridicamente, a ridosso delle festività, non ce l’aspettavamo. Tanti sono stati i mesi a disposizione della Procura per avanzare questa decisione, e purtroppo, per chi non lo sapesse, pochissimi sono i giorni di tempo – a loro volta, dipendenti dal calendario e dai piani di ferie degli inquirenti – che si hanno a disposizione per visionare le carte ed eventualmente opporsi a questa scelta. Sarà quindi l’ennesimo Natale in balia degli eventi per chi aspetta che gli si riconsegni una verità che, del tempo, ora è sia vittima che figlia.

Perché Denis Bergamini – e adesso ciò è sotto gli occhi di tutti -, 25 anni fa, è stato ucciso. Lo disse, all’epoca, la perizia di un medico legale; lo hanno confermato le perizie dei RIS: nessun doppio fondo, nessuna doppia vita, nessun tuffo in piscina.

E per questo è dovere morale, oltre che professionale, delle forze dell’ordine e della giustizia italiana, dirci da chi, senza voltare il capo dall’altra parte come purtroppo in tanti, da quella notte ad oggi, hanno fatto. Rinchiudendosi in un’omertà che è servita solo a congelare la parte più esterna delle proprie coscienze macchiate, ed in un silenzio assordante che rimbomba oggi, più di prima, nelle stanze della giustizia e della società civile.

In queste ore, immediatamente seguenti alla clamorosa decisione da parte della Procura della Repubblica di chiedere l’archiviazione per entrambi gli indagati, nei nostri cuori il pulsare fragoroso del sostegno a qualcuno, alla ricerca di qualcosa, ha lasciato solo momentaneamente il posto allo sdegno ed all’incredulità. Un turbamento che, peraltro, viene ingigantito e pervaso anche dall’eco internazionale di un caso così anomalo da esser inevitabilmente divenuto oggetto di discussione, e dell’attenzione mediatica, in Canada, in Francia, in Irlanda ed in Spagna. Le barriere nazionali, d’altra parte, non sarebbero mai state sufficienti a contenere una singolarità così crudele ed impunita.

Detto ciò, e preso atto di quello che pare essere l’orientamento di chi prima ha illuso, a margine di pluridecennali sforzi non solo emotivi, ed oggi si ritrova a render vana la più giusta delle speranze, l’associazione ‘Verità per Denis’ si schiera con ancor maggior vigore al fianco della famiglia Bergamini e della sua causa, ed utilizza questa nota per ribadire la sua più profonda intenzione di continuare a supportarla, in ogni modo, tempo e luogo, finché anche una sola persona, al mondo, continuerà a chiedersi come è stato ucciso Donato Bergamini. Ecco perché continueremo a camminare, fieramente, al loro fianco, sentinelle di una verità che ci vogliono negare, testimoni del peso e delle cicatrici di un’ingiustizia che si rinnova da decenni.

Uno dei più illuminati giuristi del novecento, Piero Calamandrei, sosteneva che l’unico modo per trovare la Giustizia è esserle fedeli. Perché essa, come tutte le divinità, si manifesta soltanto a chi ci crede. Nostro malgrado, e nonostante il Santo Natale sia alle porte, da oggi ci sentiamo tutti atei.

Associazione ‘Verità per Denis’ – 24.12.2014"

 

LEGGI IL WEBDOSSIER DI FANTAGAZZETTA DEDICATO A DENIS BERGAMINI

LEGGI LO SPECIALE DI FANTAGAZZETTA DEDICATO AL CENTENARIO DEL COSENZA

VISITA IL BLOG DEDICATO A DENIS BERGAMINI

 

PER SCOPRIRE LA STORIA DI DENIS BERGAMINI, LEGGI ANCHE:

25/03/2013: Caso Bergamini: la Procura a breve comunichera' gli esiti dell'indagine

13/04/2013: SPECIALE Bergamini: Denis, il digiuno dalla verita' e' finito

14/04/2013SPECIALE Bergamini: cosa accadde il 18/11/1989?

14/04/2013: SPECIALE Bergamini: una vicenda giudiziaria lunga 24 anni

14/04/2013: SPECIALE Bergamini: "Denis amava Cosenza. I tifosi non l'hanno mai dimenticato"

14/04/2013SPECIALE Bergamini: Denis, la ferrea dolcezza

15/04/2013: SPECIALE Bergamini: le testimonianze esclusive raccolte da Fantagazzetta

09/05/2013: Caso Bergamini. Redavid: accolto il ricorso, trasferimento annullato

15/05/2013: Caso Bergamini: Denis fu ucciso all'arma bianca da due assassini?

15/05/2013: Caso Bergamini, svolta: avviso di garanzia per l'ex fidanzata Interno'

16/05/2013: Caso Bergamini: chi è l'Internò, indagata per concorso in omicidio

16/05/2013: 15/05/13: V per Verità, ma anche per Vittoria. Bergamini, è per te! 

17/05/2013: Caso Bergamini: parla l'ex Internò: "Perché questo accanimento?"

22/05/2013: Donata Bergamini: "Voglio ricordare Denis allegro, sui campi di calcio "

14/06/2013Bergamini, a Cosenza la memoria va dai campi da calcio alle vie cittadine

17/06/2013: "Tanti, piccoli" Denis Bergamini. Tutti affamati di pallone e verità

12/07/2013: VIDEO - Bergamini: uno speciale per ricordare l'uomo ed il campione

03/09/2013Bergamini, altra svolta: un nuovo indagato oltre all'ex fidanzata

18/10/2013: Auguri, Denis. La festa è qui, nel girotondo del giardino della verità

26/10/2013: Bergamini, c'è la data dell'interrogatorio. E' un tris di coincidenze temporali

08/11/2013: Per Bergamini in 10000 su FB, un blog ed una fiaccolata commemorativa

17/11/2013: Cosenza, le luci della città su un caso italiano: quello di Bergamini

23/02/2014: Le poesie hanno i lupi dentro. Anche quella dei 100 anni del Cosenza

25/02/2014: VIDEO - Lettera di Donata Bergamini a Cosenza nel giorno del centenario

13/03/2014Bergamini, svolta entro aprile. E l'Internò non risponde ai magistrati

16/06/2014Bergamini, c'è un rigore da segnare. Memorial e scuola calcio per lui

06/09/2014Cosenza non dimentica: compleanno di Denis Bergamini a Roseto

18/09/2014: Cosenza, 19-20-21/09: un week end dedicato a Denis Bergamini

21/09/2014Roseto Capo Spulico, posata nuova lapide in onore di Denis Bergamini

02/10/2014: Cosenza-Catanzaro: il fuoco sacro del San Vito raccontato in 5' e 34"

22/12/2014: Bergamini, il Natale peggiore. Chiesta l'archiviazione per gli indagati

Condividi con i tuoi amici!