SHARE

Anfield, la grande notte di Klopp: "La più bella della mia carriera. Al Barça bastava un gol, noi dovevamo farne venti..."

L'euforia dell'allenatore del Liverpool dopo il 4-0 che consegna i Reds alla finale di Champions, e lui alla storia


|

Raggiante come è comprensibile Jurgen Klopp, nella serata in cui il suo Liverpool ha scritto un'impresa da consegnare alla storia del calcio: “Una notte speciale, ne ho vissute di altre speciali nella mia carriera, ma questa è diversa", ammette l'allenatore tedesco ai microfoni di Sky Sport. "Se mi avessero chiesto un’opinione vera prima della partita, avrei detto che era molto molto difficile, c’era poca possibilità. L’ho detto anche ai ragazzi, fare quattro gol, ce la potete fare solo perché siete voi. Li guardavo negli occhi prima della partita e non riuscivano a sorridere, per loro significava così tanto, come per la gente qui allo stadio". 

Impresa non solo per il risultato dell'andata, quanto per le assenze, e per la prestazione di chi si è fatto trovare pronto, come Origi e Wijnaldum: "Contro il Barcellona, loro dovevano fare un gol, noi almeno venti… Giocare in questo modo senza Salah e Firmino, è davvero altissimo livello”. 

Condividi con i tuoi amici!