SHARE

Milan, senti Cassano: "Non so se resto. Gay? Spero non in azzurro! Se Thiago va via non andiamo da nessuna parte"

Parole roboanti per Milan e Nazionale di Fantantonio


|

Dal ritiro azzurro ha parlato Antonio Cassano. Interrogato sulla questione "omosessuali", Antonio ha così risposto: "Froci in nazionale? Sono problemi loro. Ma spero di no... Me la cavo così, sennò sai gli attacchi da tutte le parti...Mi auguro che non ci siano, in nazionale. Ma sono questioni loro".

 

Poi Cassano continua, su Balotelli: "Si dice che io dovrei fare il tutor di Balotelli. Vabbe', stiamo freschi...E a me chi ci pensa, allora ? Il gol sbagliato? Mario mi ha detto 'volevo dartela', io ho detto 'ma tira una stecca...".

 

E sul caso Thiago Silva: "Se lo cediamo è dura. E' insostituibile, il 50 per cento della squadra. Io da ignorante non lo darei mai via. Bisogna essere chiari sugli obiettivi: senza di lui non si può lottare né per il campionato né per la Champions". Parole di fuoco quelle del 99, che poi mette in dubbio anche la sua permanenza: "Solo dopo l'Europeo vedrò se resto al Milan o no. Ho uni'dea, ma non la dico. La Sampdoria? Ho un sogno, ma lo tengo per me. Non sento Ibra da un mese, ma se si arrabbia per la cessione di Thiago ha ragione".

Condividi con i tuoi amici!