SHARE

Inter-Roma, Spalletti: "Sbagliati palloni non da noi. Il Psv resta un grande dolore"

L'allenatore nerazzurro dopo l'1-1 contro i giallorossi che tiene invariate le distanze


|

Soddisfazione da parte di Luciano Spalletti per il pari di San Siro con la Roma, che avvicina l’Inter alla Champions League: “Risultato giusto, abbiamo avuto occasioni, ma abbiamo anche lasciato degli spazi senza restare in ordine”, commenta il tecnico nerazzurro nel postpartita su Sky Sport. “Questo è un po' il nostro tallone d'Achille. Per cui va bene, perché la Roma si è abbassata ulteriormente dopo il vantaggio: erano a 10 metri dall'area. Ci hanno lasciato il possesso palla che tende ad allargare i terzini che quando perdi palla diventa pericoloso. Meglio nel secondo tempo in cui siamo stati più ordinati e, piano piano, abbiamo scavato questo spazio per fare gol. Si poteva fare di più, abbiamo sbagliato dei palloni che non son consoni per il livello da Inter. Risultato però prezioso, anche vista come si era messa".

Su Perisic, cresciuto molto nella ripresa dopo un primo tempo sottotono, fino al gol del pari: "A volte ha delle letture originali, però a noi fa comodo perché fa rientri, alza il livello di squadra sulla palla di testa".

Sui margini di crescita: ”Si possono migliorare le due piazzole alte sugli esterni che dà sbocchi alla manovra e più precisione sulla trequarti. Anche più qualità nella trasmissione dei passaggi dentro il folto. Loro abbassavano i due mediani e a volte anche il trequarti mettendosi spesso 4-3-3. Con le distanze giuste anche preventivamente, non rischi nelle ripartenze".

Su un bilancio sui calcio italiano in Europa, e sui rimpianti per l’occasione persa, nonostante l’incrocio con tre semifinaliste in Champions ed Europa league: "Bisogna fare un percorso, essere persuasivi con i calciatori. Che calcio si vuol fare, non passare la palla al portiere? Tutte le grandi squadre cercano portieri che sappiano giocare con i piedi perché è la soluzione per liberare lo spazio quando l'avversario viene in pressing. Poi è chiaro che dipende anche dal momento in cui affronti certe squadre, come accaduto con l'Eintracht. Invece il Psv resta un dolore per noi, perché quella potevamo davvero vincerla, sebbene in Champions avevamo delle limitazioni che condizionano e ti vanno a intaccare anche le gare successive di campionato. Ma le nostre squadre hanno calciatori forti. Si può vincere e perdere, ma la professionalità sta nel modo corretto di lavorare".

Condividi con i tuoi amici!