SHARE

TOP11 dei FANTA-EX: la dura legge del +3 di chi ha il dente avvelenato. 23a giornata

QUANTE VOLTE AVETE PENSATO "SCHIERO QUESTO E NON QUEST'ALTRO PERCHÉ È UN EX, E GLI EX SEGNANO SEMPRE"? BEH, UN AIUTO VE LO DAREMO NOI. E TUTTE LE SETTIMANE


|

Tutto è cominciato da lì, per Goran Pandev. Eppure non è stata la Lazio la prima a scovarlo e a portarlo in Italia. Quando aveva appena 18 anni e alle spalle solo una convincente annata tra i professionisti, quella in patria con la maglia del Belasica (18 presenze e 6 gol), fu l'Inter a intuirne le capacità e a regalargli l'enorme chance del calcio nostrano. Spezia e Ancona per farsi le ossa, poi l'esplosione a Roma. In biancoceleste la bellezza di 191 apparizioni tra tutte le competizioni, condite da 64 reti. Bottino che gli è valso un record che detiene ancora oggi, in coabitazione con Miroslav Klose: quello dello straniero più prolifico nella storia del club capitolino. Non si è però lasciato benissimo con la squadra che lo ha lanciato e a cui ha regalato tante emozioni, tra cui 1 Coppa Italia, 1 Supercoppa italiana e (di fatto) l'ultima altalenante partecipazione ai gironi di Champions League, nel 2007. La celebre battaglia legale con Lotito, l'addio a gennaio del 2010 sponda Inter, pronta a riaccoglierlo giusto in tempo per fargli gustare il sapore inconfondibile del Triplete. Vicende societarie che hanno influito anche sul rapporto coi tifosi. Che ormai lo fischiano ogni volta che viene all'Olimpico. E a loro ha già regalato diversi dispiaceri con +3 (anche pesanti) da ex. Si ripeterà lunedì sera?


In carriera ha ottenuto risultati non sempre stellari, o comunque non all'altezza di quelli dell'ultimo anno e mezzo alla Lazio. E chissà, forse a Genova Ciro Immobile avrebbe potuto fare molto di più se il patron Preziosi avesse avuto la seria intenzione e la forza per trattenerlo, risolvendo a proprio favore la compartecipazione con la Juventus in quell'estate del 2013. Invece no, ritorno in bianconero e cessione di metà del cartellino al Torino. Dove dodici mesi più tardi si laureerà addirittura capocannoniere del torneo con 22 centri in 33 partite. Un rimpianto grande, visto che in Liguria era a tutti gli effetti la sua prima annata da protagonista e titolare in Serie A, dopo gli incredibili 28 gol del precedente campionato cadetto con cui diede una grossa mano al Pescara per ottenere la promozione nella massima categoria. Evidentemente non era destino. Oggi i tifosi del Genoa lo fischiano, come spessissimo accade di fronte a un ex. Ma la fame di Ciruzzo è immensa, così come sono ormai lontani anni luce gli sbiaditi ricordi di un passato da novellino in cui ancora doveva imporsi nel panorama calcistico nazionale e non. Proprio come sta facendo adesso e vorrà a fare nelle prossime stagioni.

Pandev salta Cannavaro
(Lazio-Real Madrid 2-2 - 3 ottobre 2007)

+
Immobile esulta dopo il gol del vantaggio
(Inter-Genoa 1-1 - 22 dicembre 2012)

+
Tra i pali c'è Alex Cordaz, cresciuto nelle giovanili dell'Inter: per lui coi nerazzurri solo una presenza in Coppa Italia nel febbraio del 2004, entrando al posto dell'espulso Toldo.


Difesa a quattro composta da Lorenzo De Silvestri (ben cinque stagioni alla Sampdoria, sua ultima squadra prima di passare a Torino), Federico Peluso (meteora juventina tra il 2013 e il 2014), Sebastian De Maio (a Firenze l'anno scorso) e Pol Lirola (riscattato a titolo definitivo pochissime ore fa dal Sassuolo).

Centrocampo a due formato da Ivan Radovanovic (atalantino in tre diversi momenti in carriera, tra il 2008 e il 2013) e Davide Faraoni (anche lui un prodotto del vivaio interista).

Linea dei trequartisti che con Pandev prevede Daniele Verde (il cui cartellino appartiene alla Roma, a titolo temporaneo a Verona) e Fabio Quagliarella (col Torino 26 marcature in Serie A).

Top 11 Fanta-Ex - 23a giornata

+

C'è la dura legge del gol, ma anche la dura legge dell'ex. Ed, ovviamente, anche quella che più ci interessa: ovvero la dura legge del gol dell'ex.

Quanti di voi, nello schierare la fantaformazione, almeno una volta - se non spesso - vi siete ritrovati a dover scegliere tra due calciatori praticamente equivalenti a livello fantacalcistico, ed avete pensato "Si, però Tizio è un ex. E magari...".

Già. Perché da che mondo è mondo, anche se non verificata a livello statistico, esiste una legge non scritta che dice che l'ex punisce sempre. Vero? Falso? Solo il futuro può dirlo. Quel che è certo è che, vista anche la frenesia del calciomercato italiano, di settimana in settimana in Serie A decine di ex incontrano le loro vecchie squadre, e col dente più o meno avvelenato. Ecco perché, ad ogni turno di campionato, e solo qui su Fantagazzetta, convinti di farvi cosa gradita, proveremo a proporvi addirittura un undici di ex "consigliabile" in sede fantacalcistica.


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!