SHARE

FANTASFIGHE - Mertens superstar, Mertens rock'n'roll

Joao Mario The Revenant


|


Altro appuntamento con le Fantasfighe dopo la giornata in cui il Gallo Belotti è tornato al gol e centinaia di fantallenatori hanno tolto dalla credenza lo spumante buono, quello per le grandi occasioni. 
Fuori categoria per la rubrica: quelli che hanno Belotti ma hanno perso per i gol di Izzo, Mancini e Mbaye. Lo spumante sarà andato di traverso, sicuro.

3° POSTO - TORO SPIANTATO

Fogato dai gol segnati quest'estate, hai comprato Lautaro Martinez convinto anche che potesse giocare insieme a e non solo al posto di Icardi. Poi infortuni e scelte di Spalletti hanno reso quell'acquisto molto meno utile del previsto. Ma ecco la partita con il Genoa, il turnover, il posto da titolare.
"Dai Lautaro, che ho sempre creduto in te!".
L'Inter vince 5-0, Lautaro non segna ed è pure l'unico a prendere un'insufficienza.

Lautaro, alzati e cammina (Getty Images)

+

2° POSTO - CORSI E RICORSI STORICI

Ti ricordi quando alla seconda giornata hai subito la doppietta di Benassi e hai pensato 'Quando mi ricapita più una cosa del genere'? Ecco: ti è appena successo. Doppietta di Gagliardini che in un colpo solo ha raddoppiato il proprio numero di gol segnati in Serie A. A questo punto sei convinto che nel tuo fantacalcio possa capitarti di tutto e hai pienamente ragione.

Felicità / è una sera a sorpresa, due gol in A / la felicità (Getty Images)

+

1° POSTO - ... (NON È UN REFUSO: È PROPRIO CHE NON SI TROVANO LE PAROLE)

Per qualche strana convergenza astrale ti ritrovi a dover schierare Berardi e Giaccherini.
Al 93' di Chievo-Sassuolo hai un sussulto perché Berardi è solo, in area, con una colossale palla gol. Ma si fa ipnotizzare dal portiere e allora giù insulti. Non è finita però, perché sulla ribattuta Giaccherini entra in un universo parallelo dove Sorrentino è in piedi e può controllare agevolmente il pallone. Peccato che il tuo fantacalcio si giochi in questo universo e Sorrentino è ancora lì, a terra, e nonostante uno sforzo estremo non riesce ad evitare che l'inopinato passaggio di petto del compagno finisca in rete.
Sei passato da un possibile +3 ad un certo -2 in due secondi. Sei passato dagli insulti ad un fragoroso silenzio in due secondi. Forse, a distanza di 48 ore, sei ancora impietrito sul divano di casa.

"La persistenza della memoria" di Salvador Dalí era meno surrealista

+


Ti è piaciuto questo articolo? Dillo ai tuoi amici!